Aleteia

La città che vuole liberarsi dalla pornografia

© Thomas Heylen / flickr
Condividi
Commenta

Toowoomba, in Australia, ha dichiarato guerra all'industria pornografica

Il sindaco di Toowoomba vuole mettere in guardia sui rischi legati all’influenza della piaga della pornografia, informa la rivista tedesca Pro.

200 uomini di questa città australiana hanno prestato giuramento pubblico contro la pornografia: “Riconosco che la pornografia promuove lo sfruttamento della donna e l’uso della violenza nella coppia e che danneggia la vita familiare”, si legge nella dichiarazione. “Mi impegno a non guardare materiale pornografico e ad aiutare a costruire una città libera dalla pornografia”.

Nei rapporti sani non c’è spazio per la pornografia

John Minz, presidente dell’organizzazione Toowoomba Together, dedicata alla lotta contro la violenza domestica, afferma che i valori da difendere sono “il rispetto, la tolleranza e la comprensione reciproca”, valori del tutto opposti alla pornografia. Secondo Minz, la pornografia non trova spazio nei rapporti sani.

Un consumo regolare di pornografia provoca un senso di dipendenza, e influisce sul rapporto col partner e sulla soddisfazione sessuale. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che chi fa abitualmente uso di pornografia è spesso più insoddisfatto del corpo del partner.

Il presidente di Toowoomba Together ha anche insistito sul fatto che le persone coinvolte nell’associazione non sono tutte spinte da motivazioni religiose: “Credo che questo tema debba essere affrontato indipendentemente dalle convinzioni religiose”, ha dichiarato, osservando che è semplicemente una questione di senso comune e di morale.

Spiegazioni ai bambini

Minz ritiene un problema grave il fatto che con un semplice click sia disponibile “materiale pornografico molto esplicito, umiliante e aggressivo”. Le giovani generazioni sono il nostro futuro, e per questo per lui è importante che i genitori sensibilizzino i figli su questo problema: “Spiegate loro cos’è e quali sono i pericoli, perché sentiranno comunque parlare della pornografia”.

I genitori devono spiegare ai bambini perché è sbagliato guardare immagini di quel tipo, quali sono le sensazioni che suscitano nel loro corpo e perché è meglio sviluppare un rapporto più libero e romantico con la sessualità, con una persona che si ama.

Bisogna anche ricordare che la pornografia è un prodotto destinato a far guadagnare. In questo modo, i bambini comprenderanno che non è una cosa realistica e che quello che vogliono vivere sarà molto più bello e arricchente di qualsiasi cosa possa mostrar loro il porno.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
pornografia
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni