Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
home iconSpiritualità
line break icon

Perché Dio non pone fine al mio dolore?

© Ximena Salazar-CC

padre Carlos Padilla - pubblicato il 24/11/16

Vorrei avere lo sguardo di quel ladrone pentito. Spesso mi credo salvato.Non vedo il male nelle mie azioni, e penso che Gesù mi abbia già detto quelle stesse parole. È il mio orgoglio che mi fa pensare che la mia vita sia degna del suo amore. Mi credo giustificato. E allora non chiedo perdono.

Oggi voglio imparare da Gesù. Voglio imparare dal buon ladrone. Voglio quello sguardo puro e pentito. Voglio vedere la mia fragilità e riconoscere che tutto è dono, grazia, misericordia.

Dio mi salva per il suo amore incondizionato, non per i miei meriti. Mi ama per come sono nella mia fragilità. Mi abbraccia nella mia povertà e nel mio peccato. E mi solleva. Come fa oggi con le braccia inchiodate. Le sue parole sono speranza. Quel giorno stesso sarà in paradiso. È come se tutto avesse avuto senso.

Vorrei guardare il buon ladrone come lo ha guardato Gesù quel pomeriggio. Non lo ha giudicato. Non ha condannato la sua vita passata. Si è semplicemente commosso davanti alle sue parole di pentimento. Io a volte giudico chi agisce male. Chi non è come me. Chi non ha Dio presente nella sua vita. Lo giudico per il suo passato e per il suo presente. Giudico il ladrone che mi ha derubato senza conoscerlo. Lo condanno dalla mia croce. Giudico con i miei occhi pieni di potere, vuoti di perdono.

Non so guardare come guarda Gesù, che perdona, abbraccia, sostiene, dà speranza. Voglio guardare così la vita di coloro che mi affida. Senza giudicarli. Vedendo la luce che c’è nel loro cuore. Perdonandoli e incoraggiandoli a dare vita, a confidare nell’amore di Dio.

Voglio promettere il paradiso. Parlare con parole piene di speranza. Voglio seminare luce nel dolore, e far sì che il suo regno di misericordia e di bontà si diffonda con i miei gesti.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Perché dovrei vergognarmi della mia croce?

  • 1
  • 2
Tags:
crocedoloresalvezzasofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni