Aleteia

Aborto, il presidente del Movimento per la Vita: “Il perdono non serva a banalizzare il peccato”

Condividi
Commenta

«Il rischio è che alcuni sacerdoti fraintendano quanto decretato dal Papa», avverte Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita, storica associazione con migliaia di volontari impegnati in 700 centri di aiuto e case di accoglienza in tutta Italia.  

Qual è il suo timore rispetto allo storico gesto di Francesco?  

«Il pericolo è la decisione del Papa venga interpretata male e che ciò favorisca il lassismo. Poche ore fa, in un’intervista a Tv2000, Francesco ha definito l’aborto un peccato e un crimine gravissimo. La facoltà da lui estesa stabilmente a tutti i preti di dare l’assoluzione non equivale a derubricare la violenza su un vita indifesa. Adesso, però, a creare preoccupazione è il corto circuito che può nascere e che nelle prime divulgazioni mediatiche è già in atto».  

A cosa è dovuto questo fraintendimento?  

«Non tutti hanno la stessa sensibilità. Qualche prete potrebbe scambiare la misericordia per un colpo di spugna, contrariamente alle intenzioni del Pontefice. Il pericolo è che la giusta disposizione del Papa trovi pratica attuazione in maniere difformi. Francesco vuole favorire la possibilità di uscire da una condizione di peccato e iniziare una nuova vita dopo il pentimento e la conversione. Temo però che alcuni confessori possano leggere le parole del Papa come un lasciapassare per sottovalutare la gravità dell’interruzione volontaria della gravidanza. E invece il giudizio del Papa e della Chiesa non cambia. A mutare è una norma del codice di diritto canonico». 

E’ un errore del Papa?  

«L’obiettivo è condivisibile. E’ doloroso dover burocraticamente rinviare un penitente al vescovo per l’assoluzione. Francesco vuole rendere ogni sacerdote lo strumento della misericordia divina e ciò può aiutare molta più gente a interrogarsi sul significato delle proprie scelte. Ma il rischio è la banalizzazione che potrà esserne fatta in concreto nel confessionale. Già adesso ci sono sacerdoti che per quante cose gravi ascoltino nel sacramento della riconciliazione ascoltano distrattamente e danno l’assoluzione quasi in automatico: tre “Ave Maria” e si passa al prossimo». 

Cosa accadrà in concreto?  

«Spero che i sacerdoti rispettino lo spirito della decisione papale. Di fronte alla violazione di una vita umana innocente sarebbe inaccettabile il lassismo. Lo scopo della confessione è la conversione: è un’occasione per cambiare vita. Non va banalizzato l’aborto oppure la decisione del Papa sarà un’intenzione giusta ribaltata nel suo contrario».  

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI 

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni