Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconvaticano notizie
line break icon

Il Papa ha chiuso la Porta Santa

Vatican Insider - pubblicato il 20/11/16

«O Chiave di Davide, scettro della Casa d’Israele, che apri, e nessuno può chiudere, chiudi e nessuno può aprire: vieni, libera l’uomo prigioniero, che giace nelle tenebre e nell’ombra della morte». La schola cantorum ha appena intonato questa strofa quando Papa Francesco, dopo aver sostato in preghiera silenziosa sulla soglia della Porta Santa, ne ha chiuso i pesanti battenti. Quei battenti che poco meno di un anno fa, l’8 dicembre 2015, egli stesso aveva aperto, sotto lo sguardo del predecessore, inaugurando l’Anno Santo straordinario della misericordia. 

Si conclude così un Giubileo «diffuso», vissuto nelle singole diocesi come a Roma. Un Giubileo fatto non di grandi eventi, ma di un capillare invito alla conversione. È impossibile avventurarsi in statistiche, ma tante testimonianze attestano come si siano intensificate le confessioni. Finisce l’Anno Santo, ma non il tempo della misericordia: lunedì 21 novembre sarà infatti pubblicata la Lettera apostolica «Misericordia et misera», con la quale Francesco, pur avendo chiuso l’ultima Porta Santa, continuerà ad approfondire e a proporre il volto misericordioso di Dio e della sua Chiesa. 

Nel libro intervista «Il nome di Dio è misericordia», pubblicato nel gennaio 2016, Francesco aveva detto: «Sì, io credo che questo sia il tempo della misericordia. La Chiesa mostra il suo volto materno, il suo volto di mamma, all’umanità ferita. Non aspetta che i feriti bussino alla sua porta, li va a cercare per strada, li raccoglie, li abbraccia, li cura, li fa sentire amati. Ne sono sempre più convinto che questo sia un kairós, la nostra epoca è un kairós di misericordia, un tempo opportuno». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni