Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’amore per i nemici: la storia di Nijolė Sadūnaitė prigioniera in un lager sovietico

Condividi

Durante il processo disse ai suoi persecutori: «Voglio premettere che, se occorresse, non esiterei a dare la mia vita per ciascuno di voi»

Si può vivere senza provare odio per i propri nemici? Si può arrivare a perdonarli e a considerarli fratelli ?
“Il cielo nel lager. Nijolė Sadūnaitė” (Itaca edizioni) di Giovanna Parravicini e Paola Ida Orlandi racconta la storia di Nijolė Sadūnaitė, una donna lituana che ha vissuto tre anni in un lager sovietico, e altri tre in confino in Siberia dal 1974 al 1980. La sua storia ci dimostra che è possibile essere felici e grati della vita anche di fronte ad esperienze drammatiche. Prima del libro è nata l’idea di girare un docufilm (dvd abbinato al libro in coedizione con “La casa di Matriona”) inserito in un contesto di fiction, e realizzato con il contributo di due attori non professionisti: l’interprete Julija, una giovane lituana, e Matteo, un ragazzo italiano che conduce l’intervista. Scrivono le autrici nella premessa:

«(…) Nijolė Sadūnaitė è due volte testimone: in un breve spaccato ci permette di ripercorrere, grazie a “una” storia particolare, “la” storia del totalitarismo in Europa con l’efficacia di una rara testimonianza diretta che, in aggiunta, è preziosa dal punto di vista educativo. Infatti, per rinnovare sé e il mondo, non servono principi disincarnati dalla realtà, bensì fatti concreti e persone compiute umanamente, che non sono sopravvissute, ma sono vissute liete fin negli angoli oscuri della terra (…)Solo in un secondo tempo si è sentita l’esigenza di accompagnare l’immagine con la parola scritta tramite un opuscolo che, quale completamento naturale del docufilm, si declinasse in due momenti: un approfondimento del contesto di popolo lituano in cui la Sadūnaitė è fiorita (…) e un primo piano sulla donna attraverso brani delle sue autobiografie, arricchiti dagli snodi più significativi dell’intervista del 2014 non inseriti nel filmato (…)».

LEGGI ANCHE: Come il KGB spiò Giovanni Paolo II

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni