Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I 5 “Sì” e i 5 “No” per aiutare un bambino a superare un capriccio

ciadefoto-cc
Condividi

Vi siete sentiti impotenti al momento di controllare l'ira di vostro figlio? Ecco qualche consiglio...

Gridare a un bambino che sta facendo i capricci o cercare di controllarli a base di arrabbiature è poco efficace quanto arrabbiarsi con un neonato che si è fatto la pipì addosso. Il bambino che si arrabbia non lo fa per sua volontà, anzi; le strutture cerebrali che permettono di dominare le sue emozioni non sono ancora sufficientemente sviluppate.

Il bambino non è capace di controllare la frustrazione da sé (per quanto i genitori lo sgridino, lo ridicolizzino o lo minaccino). I capricci sono una componente normale e naturale del suo sviluppo. Per questo l’azione dei genitori consiste non nel chiedere al bambino di controllarsi da solo (perché non può), ma nell’aiutarlo a calmarsi, a capire e a superare la sua frustrazione.

Non tutti i bambini fanno i capricci, né in tutti durano la stessa quantità di tempo o si verificano con la stessa frequenza. E non tutti i capricci devono finire col bambino che accetta il rifiuto dei genitori. A volte, se la richiesta è legittima, i genitori possono cedere (il bambino deve anche imparare che lamentele e insistenza a volte hanno il loro premio). Per le situazioni in cui si decide di rimanere saldi in una decisione, bisogna sapere che non ci sono formule magiche per fermare i capricci.

Ci sono però cinque atteggiamenti dei genitori che possono aiutare il bambino a calmarsi, aiutandolo a superare il brutto momento e a imparare ad acquisire il controllo sulle sue emozioni, e altri cinque atteggiamenti che possono provocare esattamente l’effetto contrario. Purtroppo molti genitori ricorrono agli atteggiamenti meno efficaci, facendo sì che il capriccio del bambino acquisti ancora più forza, e finiscono per sentirsi frustrati come il protagonista del capriccio stesso.

Per evitare che succeda anche a voi, ecco i cinque Sì e i cinque No che vi aiuteranno a lavorare con i vostri figli per calmare i loro capricci. Seguendo queste indicazioni eviterete di peggiorare le cose e li aiuterete ad acquisire il controllo delle loro emozioni.

LEGGI ANCHE: 10 messaggi sbagliati dei genitori

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.