Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

4 santi che hanno servito nell’esercito

dominio pubblico
Condividi

Nel Veterans Day ricordiamo anche le persone sante che hanno scelto di essere un faro di luce in mezzo alla guerra

L’11 novembre di ogni anno negli Stati Uniti si festeggia il Veterans Day, il giorno in cui il Paese onora i veterani di guerra che hanno servito nelle Forze Armate statunitensi. La storia della festa nazionale risale al 1918, quando nacque come Giorno dell’Armistizio.

In questo giorno, all’11ma ora dell’11mo giorno dell’11mo mese del 1918, venne dichiarato un armistizio, o cessazione temporanea delle ostilità, tra le Nazioni alleate e la Germania nella I Guerra Mondiale, poi nota come ‘la Grande Guerra’.

Commemorato come Giorno dell’Armistizio a partire dall’anno successivo, l’11 novembre divenne una festa federale legale negli Stati Uniti nel 1938. A seguito della II Guerra Mondiale e della Guerra di Corea, il Giorno dell’Armistizio è diventato il Veterans Day, una festa dedicata ai veterani americani di tutte le guerre.

È una giornata in cui ringraziamo tutti coloro che hanno servito il nostro Paese, ma preghiamo anche di vivere un giorno in un mondo senza guerre.


LEGGI ANCHE: Patria e Religione: religiosi e religiose italiani nella prima guerra mondiale


Il Catechismo afferma che “il quinto comandamento proibisce la distruzione volontaria della vita umana. A causa dei mali e delle ingiustizie che ogni guerra provoca, la Chiesa con insistenza esorta tutti a pregare e ad operare perché la bontà divina ci liberi dall’antica schiavitù della guerra. Tutti i cittadini e tutti i governanti sono tenuti ad adoperarsi per evitare le guerre” (CCC, nn. 2307-2308).

Allo stesso tempo, “fintantoché esisterà il pericolo della guerra e non ci sarà un’autorità internazionale competente, munita di forze efficaci, una volta esaurite tutte le possibilità di un pacifico accomodamento, non si potrà negare ai governi il diritto di una legittima difesa” (CCC, n. 2308).

È una questione complicata, che la Chiesa ha dovuto affrontare nel corso dei secoli. Negli anni ci sono stati molti uomini e molte donne santi che hanno dovuto discernere quale fosse il modo migliore di agire di fronte al conflitto armato. Ecco quattro esempi di santi che attraverso il servizio militare hanno scelto di essere un faro di luce in mezzo alla guerra.

Santa Giovanna d’Arco

wikipedia

Da giovane, Giovanna sentì la voce di San Michele, Santa Caterina d’Alessandria e Santa Margherita d’Antiochia che le dicevano di “essere buona” e di “andare in chiesa”. Crescendo, tuttavia, queste voci iniziarono a indirizzarla verso la guerra tra Francia e Inghilterra, dicendole che doveva aiutare il re Carlo VII a mantenere il trono a Reims e guidare l’esercito francese in battaglia.

Assumendo questa missione, Giovanna allontanò prostitute, giocatori d’azzardo e altri personaggi che distraevano i soldati scoraggiati ed esortò questi ultimi ad accostarsi alla confessione e ad andare a Messa. La leadership e i consigli di Giovanna aiutarono i francesi a vincere battaglie decisive del conflitto. Alla guida dell’esercito o in battaglia, portava solo uno stendardo con le iniziali di Gesù e Maria, e rifiutava di toccare una spada.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni