Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStile di vita
line break icon

Come mio marito ed io abbiamo imparato a litigare bene

Tom Merton | Getty Images

Dena Dyer - pubblicato il 10/11/16

Dopo 20 anni siamo ancora sposati, continuiamo a discutere... e ad essere molto felici

Quando mio marito Carey ed io eravamo appena sposati odiavo il conflitto. Lo temevo. Eravamo stati ottimi amici prima di fidanzarci, e pensavo che questo volesse dire che non avremmo discusso neanche una sola volta da sposati. Non c’era dubbio, pensavo, che se ci amavamo abbastanza e comunicavamo bene avremmo potuto evitare il conflitto. Ingenua, vero?

Quando, ovviamente, discutevamo, io facevo un passo indietro e mi chiudevo in me stessa. Il mio rifiuto di partecipare alla discussione faceva sì che Carey si sentisse rifiutato, e così lui continuava a cercare di interagire. Parlava a voce più alta e si avvicinava di più a me. Allora io mi chiudevo, fisicamente, nella nostra camera da letto e rifiutavo di parlare con lui. Rimaneva arrabbiato e risentito, soprattutto se io andavo a dormire senza cercare di risolvere il problema. Basta dire che i primi anni di matrimonio sono stati difficili.

Ad ogni modo, non era tutto perduto. Lo scorso anno abbiamo festeggiato i 21 anni di matrimonio. Siamo arrivati tanto lontano perché nessuno dei due era disposto ad abbandonare, e perché abbiamo scoperto una combinazione di amore incondizionato, accompagnamento cristiano, pura e semplice testardaggine e la grazia di Dio.

Una delle cose fondamentali che abbiamo imparato a migliorare dopo quei primi anni è stata come litigare in modo più produttivo. Abbiamo iniziato a vedere il conflitto come un’opportunità.

Le discussioni appaiono sempre quando due persone sono coinvolte in un rapporto a lungo termine. Dopo tutto siamo umani, ciascuno ha i propri difetti, le proprie stranezze e le proprie abitudini fastidiose. Il conflitto, però, può portarci a un maggiore livello di intimità con il nostro coniuge.

1. Connessione all’interno del conflitto

Se possiamo imparare a evitare comportamenti come il sarcasmo, interrompere l’altro e alzare gli occhi, possiamo anche imparare a comunicare in modo più efficace. Durante le discussioni, è importante dare spazio al partner perché esprima i suoi sentimenti e le sue preoccupazioni.

Anche se si è in disaccordo radicale con il punto di vista del partner, c’è molissimo da guadagnare solo ascoltando e anche ripetendo a voce alta ciò che questi ha appena detto (vi sorprenderete: anche quando credete di ripetere quanto avete ascoltato parola per parola, non suona sempre uguale a quando lo ha detto il partner!)

Leslie Vernick è un’operatrice sociale clinica, coach di coppie e autrice di sette libri, tra i quali The Emotionally Destructive Marriage [Il matrimonio emotivamente distruttivo]. Nel suo blog, Leslie ha risposto a una lettrice che aveva problemi di comunicazione nel suo matrimonio con questo consiglio:

“È importante che tu sia capace di esprimere le tue necessità e i tuoi desideri senza giudicare l’altro né accusare. Ad esempio, potresti dire ‘Mi manca parlare con te’ o ‘Vorrei che passassimo un po’ di tempo insieme questo fine settimana facendo qualcosa di divertente’. Suona molto diverso da ‘Non hai mai tempo per me’ o ‘Anteponi sempre i tuoi amici a me’. Le prime due frasi generano una risposta più positiva e conciliante, le ultime due suscitano una risposta difensiva che è probabile porti a un ulteriore allontanamento e al ritrarsi in sé. Quando ti senti male e inizi a insistere e lui continua ad evitarti, resti con un senso di abbandono e di mancanza d’amore”.

Quando entrambi gli sposi si sentono rispettati e amati, la coppia può avanzare verso una soluzione soddisfacente per entrambe le parti.

Mio marito lo esprime così: “Cerco di pensare: ‘Questa discussione che stiamo iniziando Dena ed io è volta a produrre i risultati desiderati?’ In altre parole, è davvero utile o siamo solo entrati in un circolo emotivo di sfinimento?”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
litigarematrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni