Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

Il salterio dell’arcivescovo

L'Osservatore Romano - pubblicato il 09/11/16

Identificato un codice appartenuto a san Tommaso Becket

di Gabriele Nicolò

Quando fu assassinato, nel 1170, Thomas Becket aveva in mano il suo libro di salmi personale: lo stesso libro che lo storico Christopher de Hamel afferma di aver trovato, nei giorni scorsi, tra gli scaffali della Parker Library di Cambridge.

L’intrigante tesi sostenuta dall’accademico è scaturita da una semplice conversazione, poi rivelatasi illuminante, con un collega che gli aveva mostrato un’annotazione contenuta nel Sacrists’ Roll della cattedrale di Canterbury, risalente al 1321, che fornisce una dettagliata descrizione del salterio, rilegato con pietre preziose, che era conservato come una reliquia nella tomba dell’arcivescovo cattolico inglese. De Hamel, citato dal «The Guardian», afferma che allora, in un attimo, si è svelato l’arcano. Quella descrizione corrispondeva perfettamente a un libro dei salmi che aveva già visto e analizzato: quello appunto conservato nella Paker Library. Lo storico dunque si dice convinto che si tratta dello stesso manoscritto che era custodito nel reliquiario di Becket.

La vetrata istoriata della Trinity Chapel raffigurante Becket con in mano il salterio

Secondo un’annotazione databile intorno al sedicesimo secolo, scrive Alison Flood sul «The Guardian», quel salterio un tempo era appartenuto all’arcivescovo ma, dichiara de Hamel, «gli studiosi hanno sempre pensato si trattasse di un’ipotesi senza fondamento, trascurando così il decisivo legame tra l’annotazione del Sacrists’ Roll e il manoscritto conservato nella Parker Library».

In un articolo pubblicato sul «Saturday’s Guardian Review» lo storico — che proprio recentemente ha scritto un libro che sta avendo grande successo in Gran Bretagna, Meetings with Remarkable Manuscripts — sostiene che il salterio fu redatto a Canterbury e che risale all’inizio dell’undicesimo secolo. Venne composto per uso privato a beneficio di Alphege, arcivescovo cattolico inglese (dal 1005 al 1012) che venne assassinato dai vichinghi a Greenwich: venerato come santo sia dalla Chiesa cattolica che dalla Chiesa anglicana, Alphege fu il personale patrono di Becket, che per lui — simbolo di pietà e di pace — nutrì una grande devozione.

L’annotazione del Sacrists’ Roll, evidenzia de Hamel, dice che il salterio appartiene all’arcivescovo di Canterbury, e che è un salterio per uso personale. «Sono convinto — afferma l’accademico di Cambridge — che Becket s’imbattè in questo libro e che, in segno di fedeltà al suo amato patrono, ne prese subito possesso».

Corrobora questa tesi un particolare certamente non trascurabile: la vetrata istoriata della Trinity Chapel a Canterbury mostra l’arcivescovo con in mano un libro che ha le stesse dimensioni del salterio in questione e quella stessa raffinata rilegatura decorata con pietre preziose. La vetrata è situata sopra il reliquiario di Becket ed è quasi contemporanea alla morte del santo: reliquiario che fu distrutto, nel sedicesimo secolo, da Enrico viii.

«Ovviamente — afferma lo studioso — chi dipinse quella vetrata intese mostrare ciò che era contenuto nel reliquiario, ubbidendo anche a una strategia di marketing. E quando il reliquiario venne distrutto, nulla che in esso era conservato si salvò, eccezion fatta per il salterio».

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni