Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

7 verità sull’esorcismo e gli esorcisti

Condividi

2. Non tutti i sacerdoti sono autorizzati a realizzare gli esorcismi

sacerdotes

Negli esorcismi praticati in forma semplice (o minori), anche chiamati ‘preghiere di liberazione’, viene invocato lo Spirito Santo chiedendo la liberazione delle persone sotto l’influenza di satana. Come si fa nel battesimo, ad esempio, in cui il rito prevede una preghiera di esorcismo. Questo tipo di esorcismo può essere realizzato da qualsiasi sacerdote. Tuttavia, nel caso degli esorcismi praticati in forma solenne (o maggiori), il Codice di Diritto Canonico (can. 1172) stabilisce che:

Nessuno può proferire legittimamente esorcismi sugli ossessi, se non ne ha ottenuto dall’Ordinario del luogo peculiare ed espressa licenza.

L’Ordinario del luogo conceda tale licenza solo al sacerdote che sia ornato di pietà, di scienza, di prudenza e d’integrità di vita.

Coloro che ricevono questo ministero, inoltre, devono seguire dei corsi di formazioni insegnati nelle istituzioni della Santa Sede.

I laici non possono realizzare esorcismi, ma possono accompagnare i sacerdoti, se questi ultimi lo reputano opportuno, nonché prepararsi al ministero della liberazione, sotto la direzione di un sacerdote.


LEGGI ANCHE: Una breve preghiera di esorcismo insegnata da Sant’Antonio


3. L’esorcismo è un sacramentale, non un sacramento

sacramental

Secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica i sacramentali sono «sono segni sacri per mezzo dei quali, con una certa imitazione dei sacramenti, sono significati e, per impetrazione della Chiesa, vengono ottenuti effetti soprattutto spirituali. Per mezzo di essi gli uomini vengono disposti a ricevere l’effetto principale dei sacramenti e vengono santificate le varie circostanze della vita» (C.C.C. n. 1677). Tra i sacramentali principali ci sono gli esorcismi, le benedizioni e le consacrazioni.

4. Non tutti i casi di presunta possessione lo sono davvero

poseidos

Gli esorcisti, attraverso un’analisi accurata condotta da cautela estrema, devono distinguere tra la possessione demoniaca vera e propria e i problemi psichiatrici, che devono essere trattati come tali dalla scienza medica. Le due situazioni possono però verificarsi contemporaneamente. Nel Catechismo (n. 1673) leggiamo: «È importante, quindi, accertarsi, prima di celebrare l’esorcismo, che si tratti di una presenza del maligno e non di una malattia».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni