Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

La chiesa rotonda dei Templari

Condividi

Costruita e consacrata nel XVII secolo, la “Chiesa del Tempio” di Londra si ispira alla Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme

Molte chiese fondate dai membri dell’Ordine dei Templari (ufficialmente: “Poveri compagni d’armi di Cristo e del tempio di Salomone“), sono a pianta circolare, a differenza della maggior parte delle basiliche e delle cattedrali, che sono a pianta rettangolare o a forma di croce latina o greca. La cosiddetta “Chiesa del Tempio” a Londra non soltanto non fa eccezione, ma è una tra le più conosciute delle chiese templari ancora in piedi.

La “Chiesa del Tempo” di Londra misura quasi diciassette metri di diametro e contiene al suo interno alcune delle più antiche colonne in marmo Purbeck
La “Chiesa del Tempo” di Londra misura quasi diciassette metri di diametro e contiene al suo interno alcune delle più antiche colonne in marmo Purbeck

Dalla caratteristica pianta circolare, la “Chiesa del Tempio” fu consacrata nel 1185. La forma circolare delle chiese templari si ispira alla Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme: dopo che i crociati riconquistarono Gerusalemme nel 1099, la “Cupola della Roccia” fu data in custodia agli Agostiniani, che ne fecero una chiesa.

Ma essendo la Cupola della Roccia costruita sull’ex Tempio di Salomone, i templari stabilirono il loro quartier generale nella moschea di Al-Aqsa, adiacente alla Cupola, dove rimasero per gran parte del XII secolo.

Il “Templum Domini”, come i templari chiamarono la Cupola della Roccia, apparve nei sigilli ufficiali dei Gran Maestri dell’Ordine, e ben presto diventò in tutta Europa un modello architettonico per le chiese rotonde dei templari.


LEGGI ANCHE: L’ospedale, un’altra invenzione del Medioevo cattolico


La “Chiesa del Tempo” di Londra misura quasi diciassette metri di diametro e contiene al suo interno alcune delle più antiche colonne in marmo Purbeck (un tipo di marmo inglese estratto dalla stessa cava che i Romani sfruttarono quando arrivarono nelle isole britanniche). È probabile che le pareti e alcuni dettagli dei capitelli siano stati originariamente policromatici.

Il tempio fu consacrato il 10 febbraio 1185 dal patriarca di Gerusalemme Heraclius. Si ritiene che alla consacrazione fu presente re Enrico II (1154-1189).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni