Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconvaticano notizie
line break icon

Il Papa e quei vescovi morti che hanno testimoniato Dio da “eroi”

Vatican Insider - pubblicato il 04/11/16

Il Papa ha ricordato i pastori «chiamati a rendere testimonianza al Vangelo in maniera eroica, sostenendo pesanti tribolazioni», nel corso della annuale Messa che ha celebrato a San Pietro in suffragio dei cardinali e dei vescovi defunti nel corso dell’anno. 

«Il mese di novembre, che la pietà cristiana dedica al ricordo dei fedeli defunti, suscita ogni anno nella comunità ecclesiale il pensiero della vita oltre la morte e soprattutto il pensiero dell’incontro definitivo con il Signore», ha ricordato Francesco nella sua omelia. «Egli si farà giudice del nostro percorso terreno; un giudice le cui caratteristiche sono la misericordia e la pietà, come ci ha ricordato il salmista». 

Quest’anno sono morti sette cardinali, gli italiani Loris Capovilla, storico segretario di Giovanni XXIII creato cardinale dallo stesso Francesco, Silvano Piovanelli, ex arcivescovo di Firenze, Carlo Furno e Giovanni Coppa, il boliviano Julio Terrazas Sandoval, lo svizzero Georges Cottier, ex teologo della Casa pontificia e il polacco Franciszek Macharski, che il Papa ha visitato in Polonia nei suoi ultimi giorni di vita, e 136 vescovi di tutto il mondo.

«Questi nostri fratelli – ha detto il Papa – sono giunti alla meta, dopo aver servito la Chiesa e amato il Signore Gesù, in quella certezza di amore che l’apostolo Paolo ci ha ricordato nella seconda lettura: “Chi ci separerà dall’amore di Cristo?”. È la fede nell’amore di Cristo, dal quale nulla ci può separare: né tribolazione, né angoscia, né persecuzione, né pericolo, né morte, né vita…». 

«Il cammino verso la casa del Padre comincia, per ciascuno di noi, nel giorno stesso in cui apriamo gli occhi alla luce e, mediante il Battesimo, alla grazia», ha detto ancora il Papa. «Una tappa importante di questo cammino, per noi sacerdoti e vescovi, è il momento in cui pronunciamo l’“eccomi!” durante l’Ordinazione sacerdotale. Da quel momento siamo in modo speciale uniti a Cristo, associati al suo Sacerdozio ministeriale. Nell’ora della morte, pronunceremo l’ultimo “eccomi”, unito a quello di Gesù, che morì affidando il suo spirito nelle mani del Padre».  

I cardinali e i vescovi che il Papa ha ricordato oggi «sono stati pastori del gregge di Cristo e, ad imitazione di Lui, si sono spesi, donati e sacrificati per la salvezza del popolo a loro affidato», con il loro ministero «hanno impresso nei cuori dei fedeli la consolante verità che “grazia e misericordia sono per i suoi eletti”». Ancora, «nel nome del Dio della misericordia e del perdono, le loro mani hanno benedetto e assolto, le loro parole hanno confortato e asciugato lacrime, la loro presenza ha testimoniato con eloquenza che la bontà di Dio è inesauribile e la sua misericordia è infinita. Alcuni di loro – ha sottolineato il Papa – sono stati chiamati a rendere testimonianza al Vangelo in maniera eroica, sostenendo pesanti tribolazioni». La loro morte «è, in realtà, l’ingresso nella pienezza della vita. In questa luce di fede, ci sentiamo ancor più vicini ai nostri Fratelli defunti: la morte ci ha apparentemente separati, ma la potenza di Cristo e del suo Spirito ci unisce in modo ancora più profondo.Continueremo a sentirli accanto a noi nella comunione dei santi. Nutriti del Pane della vita, anche noi, insieme con quanti ci hanno preceduto, attendiamo con ferma speranza il giorno dell’incontro faccia a faccia con il volto luminoso e misericordioso del Padre». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni