Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Dio se ci ami, perché ci fai questo?” Come si può credere in Dio dopo un terremoto?

Condividi

Don Luigi Maria Epicoco: «L’amore non elimina il dolore ma è dire: Io ti amo e per questo tu puoi vivere anche una cosa così difficile!»

Don Luigi Maria Epicoco ospite della trasmissione “Nemo – Nessuno escluso”, condotta su rai 2 da Enrico Lucci e Valentina Petrini, offre la sua esperienza come tentativo di risposta alla domanda che in molti si pongono a seguito del dramma che ha colpito l’Italia in questi giorni: come si può credere in Dio dopo un terremoto?

Don Luigi, sopravvissuto al sisma dell’Aquila del 2009, racconta come anche lui abbia chiesto al Signore: “Se ci ami, perché ci fai questo?” Ma l’amore è diverso da ciò che comunemente pensiamo, l’amore non elimina la sofferenza e il dolore ma “proprio perché sei amato allora anche il dolore, anche la cosa che sembra più assurda, la più contraddittoria, non è al di sotto della tua dignità, tu puoi viverla”.

LEGGI ANCHE: Riconoscersi umanamente “malati” per essere guariti

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni