Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconStile di vita
line break icon

Un po’ di vergogna fa bene all’anima

Gabrielle Lutze | Stocksy United

Dena Dyer - pubblicato il 03/11/16

Provare vergogna e senso di colpa può aiutare a migliorarci e a perdonarci a vicenda

La prima volta che ricordo di aver provato un profondo senso di vergogna è stata quando avevo 10 anni. Dopo aver individuato il rospo più grande che avessi mai visto nel nostro ranch di famiglia nel Texas, ho deciso di sezionarlo.

La creatura respirava piano, gli occhi neri fissi sull’erba di fronte a lei. Nella mano destra tenevo una grande pietra, che alla fine ho sbattuto con forza sulla sua testa. Materia celebrale giallastra è schizzata via dalla testa di quella creatura. Dopo averla girata, le ho preso la pancia con una mano e l’ho tagliata con un coltello da cucina. Le viscere dell’animale odoravano di putrefazione.

Mi sono sentita improvvisamente depressa, e anche il mio stomaco non stava così bene. Era la prima volta che distruggevo di proposito un altro essere vivente, eccettuando insetti o ragni. È stata anche l’ultima.

La vergogna ci fa bene?

Quella che ho provato quel giorno era davvero vergogna? O era senso di colpa? Spesso i due sentimenti sono intrecciati: riguardano entrambi la riprovazione nei confronti di se stessi, e a volte i termini vengono usati come sinonimi. Ad ogni modo, credo che le emozioni che sperimentiamo che ci chiedono di guardarci dentro e di rivalutare le nostre azioni siano utili. Nel mio caso, i sentimenti che ho provato per la storia del rospo hanno evitato che prendessi decisioni simili in futuro.

LEGGI ANCHE:La vergogna: un’emozione e una virtù da riscoprire

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
confessionegraziasenso di colpavergogna

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni