Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 24 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconSpiritualità
line break icon

Nella nostra epoca la morte è un tabù

Huskyherz

Alfa y Omega - pubblicato il 03/11/16

Oggi l'individuo cammina da solo verso il suo destino mortale

Nella nostra epoca la morte è un tabù. Anche se è il nostro destino più sicuro, preferiamo guardare da un’altra parte, come se non ci riguardasse. Pretendiamo di eliminare l’angoscia che ci provoca esiliandola dal mondo della parola. Al posto dell’accettazione religiosa e culturale della morte come parte integrante della nostra esistenza, avviene in modo clandestino, alle spalle del moribondo e del suo contesto sociale.

La buona morte non è più quella annunciata che permette di risolvere le questioni pendenti, ma quella inaspettata, indolore e rapida, in sintonia con il cibo rapido o il denaro rapido. Oggi l’individuo cammina da solo verso il suo destino mortale. La morte, tuttavia, irrompe bruscamente con il decesso di un familiare, di un amico o di un collega.

L’obitorio è il luogo in cui ci imbattiamo più di frequente in questa realtà. Le reazioni a cui ho assistito davanti al feretro di una persona cara sono le più varie: la moglie che grida al marito morto all’improvviso: “Perché mi hai fatto questo, perché mi lasci sola?”, il giovane sconcertato che sospira: “Perché dobbiamo morire? Dove vai, amico mio?”, il bambino di 10 anni che inginocchiato piange in silenzio davanti al cadavere del padre.

  • 1
  • 2
Tags:
defuntifedemorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
6
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni