Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 29 Gennaio |
Sant'Afraate
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Nella nostra epoca la morte è un tabù

tombstone-660890_1920

Huskyherz

Alfa y Omega - pubblicato il 03/11/16

Oggi l'individuo cammina da solo verso il suo destino mortale

Nella nostra epoca la morte è un tabù. Anche se è il nostro destino più sicuro, preferiamo guardare da un’altra parte, come se non ci riguardasse. Pretendiamo di eliminare l’angoscia che ci provoca esiliandola dal mondo della parola. Al posto dell’accettazione religiosa e culturale della morte come parte integrante della nostra esistenza, avviene in modo clandestino, alle spalle del moribondo e del suo contesto sociale.

La buona morte non è più quella annunciata che permette di risolvere le questioni pendenti, ma quella inaspettata, indolore e rapida, in sintonia con il cibo rapido o il denaro rapido. Oggi l’individuo cammina da solo verso il suo destino mortale. La morte, tuttavia, irrompe bruscamente con il decesso di un familiare, di un amico o di un collega.

L’obitorio è il luogo in cui ci imbattiamo più di frequente in questa realtà. Le reazioni a cui ho assistito davanti al feretro di una persona cara sono le più varie: la moglie che grida al marito morto all’improvviso: “Perché mi hai fatto questo, perché mi lasci sola?”, il giovane sconcertato che sospira: “Perché dobbiamo morire? Dove vai, amico mio?”, il bambino di 10 anni che inginocchiato piange in silenzio davanti al cadavere del padre.

Nell’ambiente dell’obitorio convivono la difficoltà ad avvicinarsi per vedere il volto del defunto per rimanere con la sua immagine precedente, la lacerazione prodotta dalla separazione definitiva, la conversazione banale per scacciare la paura e l’insicurezza, il silenzio riflessivo che aiuta a interrogarsi sul mistero della morte e sull’aldilà. È urgente cercare un senso a questo enigma. Protestiamo perché Dio non risponde alle nostre domande, ma forse siamo noi che non ascoltiamo le sue risposte.

La fede cristiana è una luce che ci orienta attraverso i passaggi sinuosi della morte. Pensare che la vita termini quando moriamo è come pensare che un seme muoia quando si semina nella terra, o che un uccello muoia quando scompare dal nostro orizzonte. Il segreto del Creatore consiste nel rimettere la fiamma della vita nelle ceneri della carne morta.

Jesús García Herrero
Cappellano dell’obitorio M-30. Madrid

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Dona morte santa

Tags:
defuntifedemorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni