Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconStile di vita
line break icon

È possibile (o moralmente adeguato) fotografare una persona nuda?

geralt

Encuentra.com - pubblicato il 01/11/16

Il nudo artistico

Domanda di un fotografo a un teologo:

Carissimo,

sono un fotografo e ho il dubbio se sia possibile (o moralmente adeguato) fotografare una persona nuda, in una posa naturale, ovvero non provocante, per fini puramente artistici. Non ho mai fatto foto di questo tipo, ma vorrei sapere se facendolo potrei stare con la coscienza tranquilla.

Per favore, se è possibile mi tolga questo dubbio.

Rispettosamente,
“Il Mandriano Digitale”

Caro Mandriano Digitale,

la tua è una domanda che richiede una risposta ampia.

1. La nudità in sé

La nudità non è in sé una cosa immorale. Dio, dopo aver formato il corpo umano, lo giudicò cosa molto buona (Gn 1, 31). Da dove deriva il possibile disordine? È espresso nei due atteggiamenti successivi descritti nella Genesi:

a) “Tutti e due erano nudi… ma non ne provavano vergogna” (Gn 2, 25).

b) “Si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture” (Gn 3, 7). “’Ho udito il tuo passo nel giardino’ – dice Adamo a Dio -. ‘Ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto’. Riprese: ‘Chi ti ha fatto sapere che eri nudo?‘” (Gn 3, 10-11).

La comparsa della vergogna mostra un cambiamento di stato nell’uomo e nella donna. Questo cambiamento deriva dal peccato originale, che introduce un disordine nell’attività umana. Questo disordine che resta come sequela del peccato è chiamato “concupiscenza”. La concupiscenza disordinata modifica l’ordine e la natura delle cose; sul piano della sensualità e della sessualità ordina il corpo al piacere venereo egoista, alterando il fine della sessualità, che è la complementarietà sponsale reciproca (realizzando la doppia dimensione della sessualità – unitiva e procreativa). La concupiscenza, quindi, fa sì che la tendenza sessuale passi da “donazione piena d’amore” (possibile solo nel contesto coniugale) a “possessione egoista”, trasformando l’altro (il corpo dell’altro) in oggetto d’uso anziché termine di donazione.

Il problema del nudo allo stato attuale della natura umana (ferita dal peccato) è che può diventare occasione di quello che si definisce “sguardo concupiscente”: lo sguardo che si posa sul corpo come oggetto di desiderio, integrandolo nella concupiscenza disordinata del cuore. Il doppio male che si segue è da un lato il peccato della persona che guarda sminuendo il corpo a oggetto di piacere, dall’altro la perdita della dignità nella persona che si espone ad essere guardata come oggetto.

All’interno del matrimonio, invece, mantiene la sua dimensione originale. Lì il corpo nudo, manifestandosi com’è, ovvero mostrando visibilmente la complementarietà sessuale, diventa parola (ogni gesto è una parola).

Mostrandosi, ci si dice che ci si dona, che si è complementari, che i due non sono che una cosa sola, come dimostrano i loro corpi (due metà di un unico essere). In questa sfera, essendo stata sigillata dal patto matrimoniale, questa dimensione mantiene tutta la sua verità.

Per questo velare il corpo (la funzione del vestito) è un mettere a tacere il tema della sessualità davanti alle persone con cui non si deve parlare o a cui non si deve offrire la sessualità.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
artelussurianudita
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni