Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Qual è la più grande minaccia per i cristiani oggi?

Condividi

Non quella che pensate...

“Alla presenza di musulmani ostili, la minaccia più grande per i cristiani possono essere… altri cristiani”.

Col rischio che sembri che mi voglia unire a una buona compagnia, penso che G.K. Chesterton potrebbe essere d’accordo. Lo dico avendo appena letto il suo romanzo L’osteria volante. Scritta nel 1914, la storia può essere letta come una profezia che descrive le autorità politiche che cambiano la cultura inglese per aiutare i musulmani a sentirsi più a casa.

In primo luogo viene imposto un bando sull’alcool, poi vengono cambiate le tradizioni di voto: “Non dobbiamo chiedere loro di fare una croce sulla scheda elettorale, perché anche se sembra una piccola cosa potrebbe offenderli. E allora propongo di far scegliere tra la croce vecchia maniera e un segno curvo verso l’alto che potrebbe sembrare una mezzaluna. È anche più semplice da fare, e credo che verrà adottato a livello generale”. Nella nostra epoca, la vita imita la satira: un vescovo luterano svedese ha chiesto di rimuovere le croci dalle chiese di modo che “i musulmani non si sentano offesi”.

Nel romanzo di Chesterton, il vero problema non sono i musumani, quanto i modernisti armati di un’educazione superficiale, pretese di saggezza, potere politico e prontezza a “correggere” quello che Dio e l’uomo hanno fatto del cristianesimo. All’antagonista del romanzo viene chiesto: “Pensi di aver creato il mondo, che potresti rifarlo in modo tanto semplice?” La replica agghiacciante è: “’Il mondo è stato fatto male’, disse Ivywood con una nota terribile nella voce, ‘e io lo rifarò daccapo’”.

Questo è il punto principale del romanzo, ed è una minaccia che affrontiamo oggi. Le persone influenti a livello governativo, accademico e culturale – e sì, ammettiamolo, le persone che si identificano come cristiane – con scarsa conoscenza e ancor meno amore nei confronti della fede e della cultura cristiana vogliono epurare l’Occidente dell’eredità, dell’identità, della pratica e della speranza cristiane. C’è allora da stupirsi quando i musulmani zelanti si inseriscono nel vuoto lasciato dai modernisti religiosi e secolari che non provano gratitudine o obbligo nei confronti dell’eredità cristiana che stanno buttando via?

Due autori hanno prodotto, rispettivamente, un video e un libro intitolati How the Catholic Church Built Western Civilization (Come la Chiesa cattolica ha costruito la civiltà occidentale). Entrambi concordano sul fatto che i secolaristi che odiano la Chiesa e i religiosi assimilati che ignorano le cose riguardanti la Chiesa godano (per ora) delle libertà e dell’ordine sociale lasciato in eredità dal cristianesimo cattolico, mentre per decenni hanno distrutto le basi stesse su cui si fondano.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.