Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconNews
line break icon

Cari genitori, ecco 9 consigli per prevenire la “morte in culla”

freestocks.org

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 29/10/16

Dalla tutina al materasso rigido, dal ciucci o al posizionamento nel letto. Come evitare problemi nel sonno del neonato

La SIDS (Sudden Infant Death Syndrome, sindrome della morte improvvisa infantile, conosciuta anche come morte in culla) colpisce i bebè di età compresa tra un mese e un anno, che muoiono improvvisamente e inspiegabilmente. Sebbene le cause non siano perfettamente note, sono state però evidenziate delle correlazioni con alcune situazioni e sono stati individuati alcuni comportamenti in grado di ridurre sensibilmente l’incidenza. Ve ne indichiamo alcune.

1) MATERASSO RIGIDO E NIENTE CUSCINO

Prima di tuttoassicuratevi che il materasso sia rigido e adatto alla culla. Biancheria da letto troppo morbida, sopra o sotto, potrebbe bloccare le vie respiratorie del piccolo e va quindi evitata. No al cuscino.

2) TUTINA E LENZUOLA

Per dormire fategli indossare una tutina o mettetelo nel sacco nanna. La cosa migliore sarebbe proprio quella di evitare le coperte, ma ovviamente dipende dalla stagione e se sono necessarie usate copertine della misura giusta e non pesanti. Sono sconsigliate lenzuola di tessuti gommosi o plastificati, che impediscono una corretta aerazione e provocano surriscaldamento.

3) POSIZIONE SUPINA

Quando lo mettete nella culla sdraiatelo a pancia in su. Questa posizione è preferibile almeno finché non sarà in grado di girarsi da solo, all’incirca all’anno di età. Un bambino supino riesce più facilmente a respirare, a tossire o a sputare se ingoia qualcosa.

4) I PIEDI CHE TOCCANO IL FONDO DELLA CULLA

Sistemato il piccolo con i piedi che toccano il fondo della culla. In questo modo non potrà scivolare sotto le lenzuola. Raccomandatevi inoltre che la coperta non superi le ascelle del neonato e che sia ben rimboccata sui tre lati (www.nostrofiglio.it).

5) NO A COPERTE ARROTOLATE

Evitate posizionatori notturni o coperte arrotolate che potrebbero sembrare una buona idea per tenerlo nella posizione corretta, ma che di notte potrebbero spostarsi e impedire la respirazione del piccolo.

6) TEMPERATURA DI 20 GRADI

La temperatura ambientale dovrebbe essere mantenuta attorno ai 20 gradi. Se il piccolo ha la febbre può aver bisogno di essere coperto di meno, mai di più (http://www.dolceattesa.com).

7) IN CULLA SOLO IL NEONATO

Il neonato dovrebbe dormire in una culla vuota. Cioè senza paraurti imbottiti, piumini, coperte, cuscini e soprattutto senza peluche o giochi, belli da vedere ma pericolosi per il bambino. Attenzione: fatelo dormire in camera con voi, ma non nel vostro letto. E’ più facile tenerlo sotto controllo se dorme vicino, ma nella sua culla. E quando lo allattate, prendetelo pure con voi nel lettone, ma poi riposizionatelo nella sua culla.

8) IL CIUCCIO

Anche il succhiotto abbasserebbe il rischio SIDS. Ma non dateglielo prima delle tre settimane e cercate di sospenderglielo quando compie un anno. Se si decide di utilizzarlo, si dovranno inoltre osservare alcune precauzioni, come quella di tenerlo sempre ben pulito ed evitare di immergerlo in sostanze edulcoranti. E attenzione a non lasciargli il ciuccio appeso al collo di notte!

9) ALLATTAMENTO AL SENO

Diversi studi dimostrano che i bambini allattati al seno, anche per un breve periodo di tempo, sono meno a rischio SIDS.

Tags:
bambinigenitori

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni