Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La toccante lettera di una ragazza alla nonna che disse ‘sì’ alla vita

Condividi

"Si può sempre amare e abbracciare la vita, anche nelle situazioni più difficili".

Il blog che non sarebbe dovuto mai esistere, è questo il titolo di una lettera sincera e bellissima che Emma Isabel ha scritto a sua nonna. Quando l’ho letta non ho potuto non riflettere su quanto dobbiamo essere grati per la nostra vita.

Questo testo rivela l’incredibile meraviglia della nostra esistenza e il profondo desiderio dell’essere umano di vivere, amare ed essere felice. Speriamo  che vi piaccia e che lo condividiate!


«Su questo sito di solito scriviamo delle nostre esperienze nell’ambito del matrimonio, delle nostre lotte, delle domande che sorgono lungo il cammino vocazionale e sulle risposte che ci dà Dio. Ma questa volta desidero condividere con voi una parte della mia storia più personale, che pochi conoscono ma che sento il dovere e la responsabilità di rivelare.

Inizierò dicendo che questo blog non sarebbe vai dovuto esistere, e quindi neanche gli articoli che abbiamo pubblicato e che voi avete letto. Non sarebbe dovuta esistere nessuna riflessione qui ospitata.

Ma se voi potete leggere queste parole è grazie ad una eroica decisione che fu presa 50 anni fa.


LEGGI ANCHE: La madre ha abortito bruciandola. Dopo 29 anni lei si “vendica” così


Era il 1961. Una ragazza aveva un ritardo del ciclo e per lei – che non era riuscita a terminare gli studi – questo fatto avrebbe avuto delle conseguenze più grandi di quelle che si aspettava. Avendo avuto una relazione, in pochi avrebbero creduto che il suo ex ragazzo l’avesse costretta a stare insieme. A volte pensiamo che gli abusi possano avvenire soltanto tra sconosciuti, ma purtroppo sono sempre di più i casi di donne e uomini che subiscono violenza in contesti in cui si pensa che debba prevalere l’amore.

Non aveva un titolo di studio, era senza denaro, senza alcun sostegno, sola… e con un bimbo in arrivo.

Ricordo che la prima volta che ho ascoltato la sua storia – era una sera, ero seduta e sorseggiavo un caffè – guardavo le sue mani reggere una penna. Sentivo l’impotenza e l’immenso desiderio di viaggiare nel passato, abbracciarla e dirle che sarebbe andato tutto bene. Ancora oggi non riesco a spiegarmi come poté superare tutto ciò che visse. Non mancarono coloro che le consigliarono di ‘tagliare la testa al toro’ e risolvere il problema abortendo. Ma – come disse anche a me quel giorno – la sua risposta a questa proposta fu sempre la stessa: “Non ne fui in grado, perché ogni vita è sacra”.

E quindi, senza poter usufruire della cura prenatale, senza alcun baby shower, senza nessun fotografo a ritrarre le sue fasi della gravidanza, senza culla né pannolini, senza nessuno che le reggesse la mano durante il parto, una sera del giugno 1962, nacque una bimba a cui mise nome Isabel (donna di Dio) e che, molti anni dopo, io chiamai mamma.


LEGGI ANCHE: Le 5 famose bugie che fanno sembrare l’aborto la soluzione migliore


Proprio questa settimana nel mio paese è stato scoperto una clinica che praticava aborti clandestini. Ne rimasi profondamente sconvolta, pensando a tutte le donne che – per una ragione o per un’altra – hanno deciso di uccidere il bimbo nel proprio grembo. Uno degli inni che in Costa Rica cantiamo ogni 15 settembre recita: “I figli del popolo alzano la terra al fulgido sole della libertà”. Fa male pensare che molti di questi figli non conosceranno mai la luce del sole.

nietaForse prendo questa causa troppo sul personale, ma non potrebbe essere altrimenti. Devo la mia esistenza a Dio e a una donna che non ha mai dimenticato che ogni vita è preziosa, meravigliosa, con un potenziale enorme. Una donna che, anche nel più buio degli scenari, ha deciso con coraggio di proteggere la luce dentro di lei.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.