Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 27 Luglio |
San Pantaleone
home iconChiesa
line break icon

Perché festeggiare o commemorare la Riforma?

© DR

Ary Waldir Ramos Díaz - Aleteia - pubblicato il 28/10/16

Risponde il cardinale Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani

La voce del popolo (Vox populi), frammentata e discordante nelle sue varianti, può gridare disordinatamente le questioni (qui generalizzate) “Perché commemorare i 500 anni della Riforma?”, “Perché festeggiare, se noi cattolici e luterani siamo divisi?”

Al riguardo, per affrontare la polemica connotazione tra festeggiare e commemorare, il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, ha precisato che c’è differenza tra i due termini, ma in mezzo alla discrepanza linguistica c’è l’atto della penitenza per la divisione attuale.

Alla fine, tra [1] gratitudine e [2] speranza c’è l’atto di festeggiare (celebrare) il volere e il mobilitarsi di entrambe le Chiese per perseguire l’anelito dell’unità, e poi c’è la commemorazione (ricordare solennemente) della realtà storica e della sfida presente della divisione [3], per la quale tutti (cattolici e luterani) in atto di penitenza dovrebbero chiedere perdono a Dio.

Kurt Koch lo ha spiegato questo mercoledì 27 ottobre nella Sala Stampa della Santa Sede in tre punti concreti tratti dal documento ufficiale Dal conflitto alla comunione (2013), sulla commemorazione congiunta luterano-cattolico romana della Riforma che si compirà nel 2017 e che presenta i temi del ringraziamento, del pentimento e dell’impegno nella testimonianza comune.

LEGGI ANCHE:Junge: solo pochi anni fa impossibile commemorare insieme Lutero

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
ecumenismomartin luteropapa francescopenitenzariforma protestante
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
7
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni