Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

I 10 messaggi sbagliati dei genitori

web-boy-rabbit-aprilphoto-shutterstock_111017531

Aprilphoto/Shutterstock

Marlena Bessman-Paliwoda - pubblicato il 27/10/16

I pesci non hanno sentimenti. I bambini sì. La mancanza di voce ferisce solo una creatura, il bambino.

Siamo così arroganti come persone, come genitori, che ascoltare le parole di una persona più piccola – per la sua condizione sociale, l’età, l’educazione… – ci risulta impensabile. Ascoltare un bambino è quasi un disonore, perché è lui che ci deve ascoltare. Soprattutto quando il bambino ci riprende quando facciamo qualcosa di sbagliato.

9- Non mi hai ancora pagato i tuoi alimenti

I genitori hanno modi diversi per insegnare a ringraziare. La frase peggiore è “Non mi hai ancora pagato i tuoi alimenti”. Mostrare al bambino il nostro amore e il nostro sforzo sotto forma di debiti è un abuso. Produce nel bambino molta tensione e la sensazione che debba guadagnare tutto e pagare tutto.

L’ingresso nell’età adulta è per il bambino una liberazione dal senso di colpa per la sua vita a credito e finisce per portare a un contatto minimo o nullo con i genitori. Amare è gratis. L’amore per l’amore e la gratitudine arriveranno. È un cliché, ma funziona.

10- Ai miei tempi…

La frase “Ai miei tempi…” si trova alla fine visto che comporta una certa nostalgia del passato, ed è anche il messaggio più divertente. Quasi tutti i miei amici dicono di averla sentita dai genitori.

Su questo punto, tuttavia, non sono troppo rigorosa. Questo modo di dire dei genitori spesso ci irrita – soprattutto quando se ne abusa e serve solo da introduzione alla critica dei comportamenti dei bambini o degli adolescenti –, ma collega anche le generazioni, visto che può trasformarsi in una storia del passato.

Non esiste solo una via per educare. Non c’è un unico stile di condotta. È importante che in ciascuna delle forme scelte pensiamo ai sentimenti dell’altra persona e a come il nostro cammino influenzi e formi il cammino delle persone che sono ancora piccole.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE:No a grida e schiaffi ai bambini, ed ecco perché

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
bambinieducazionefigli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni