Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 19 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconChiesa
line break icon

Dice Papa Francesco: “Al Regno di Dio serve la docilità” non gli organigrammi

© Antoine Mekary / ALETEIA

Pope Francis General Audience October 05, 2016. © Antoine Mekary / ALETEIA

Domenico Agasso jr - Vatican Insider - pubblicato il 25/10/16

Il pontefice a Santa Marta: così bisogna aprirsi allo Spirito; la Legge del Signore c’è affinché gli uomini la «camminino» ogni giorno, non perché siano fermi e rigidi nelle strutture

Non è una struttura fissa e rigida, è sempre in cammino. Così papa Francesco descrive il Regno di Dio, per cui esorta: affinchè cresca, il Signore chiede a tutti la docilità e non l’eccessiva concentrazione sugli organigrammi. È l’appello lanciato dal Pontefice nella Messa di questa mattina, 25 ottobre 2016, a Casa Santa Marta. Lo riporta Radio Vaticana.

Papa Bergoglio sottolinea che la Legge del Signore non è solo per da studiare, ma c’è per «camminarla». E sono beati coloro che «camminano nella Legge del Signore».

La Legge è «per la vita, è per aiutare a fare il Regno, a fare la vita». Il Signore «ci dice che anche il Regno è in cammino». Ma che «cosa è il Regno di Dio? Eh, forse il Regno di Dio è una struttura tutta ben fatta, tutto in ordine, organigrammi ben fatti, tutto… e quello che non entra lì, non è nel Regno di Dio. No – assicura il Vescovo di Roma – Con il Regno di Dio accade lo stesso che può accadere con la Legge: il “fissismo”, la rigidità… La legge è per camminarla, il Regno di Dio è in cammino. Non è fermo. Di più: il Regno di Dio “si fa” tutti i giorni».

Cristo nelle sue parabole si sofferma su «cose della vita quotidiana»: il lievito che non resta tale, perché alla fine «si mescola con la farina», è quindi «in cammino e fa il pane»; il seme che «non rimane seme» perché «muore e dà vita all’albero». Ecco, «lievito e seme sono in cammino per fare qualcosa», ma per realizzarlo «muoiono». Però non si tratta di «un problema di piccolezza, è piccolo, è poca cosa, o cosa grande. È un problema di cammino, e nel cammino succede la trasformazione».

Poi Francesco ammonisce: una persona che vede la Legge e non cammina, ha un comportamento fisso, «un atteggiamento di rigidità». E «qual è l’atteggiamento che il Signore chiede da noi, perché il Regno di Dio cresca e sia pane per tutti e abitazione, anche, per tutti? La docilità». Il Regno di Dio «cresce con la docilità alla forza dello Spirito Santo – spiega – La farina lascia di essere farina e diventa pane, perché è docile alla forza del lievito, e il lievito si lascia impastare con la farina… non so, la farina non ha sentimenti, ma lasciarsi impastare si può pensare che c’è qualche sofferenza lì, no? E poi, si lascia cucinare, no? Ma, anche il Regno… ma il Regno cresce così, e poi alla fine è pasto per tutti».

La farina è «docile al lievito», cresce: il Regno di Dio «è così».

Poi il Pontefice dice: «L’uomo e la donna docili allo Spirito Santo crescono e sono dono per tutti. Anche il seme è docile per essere fecondo, e perde la sua entità di seme e diventa un’altra cosa, molto più grande: si trasforma». Il Regno del Signor è proprio così: «In cammino», verso «la speranza, verso la pienezza».

Aggiunge Francesco: il Regno di Dio «si fa tutti i giorni, con la docilità allo Spirito Santo, che è quello che unisce il nostro piccolo lievito o il piccolo seme alla forza, e li trasforma per far crescere».

Se invece non si cammina in questo modo, si diviene rigidi e questo è un male e fa male, perché «la rigidità ci fa orfani, senza Padre: il rigido soltanto ha padroni, non un padre»; invece «il Regno di Dio è come una madre che cresce e feconda, dona se stessa perché i figli abbiano pasto e abitazione, secondo l’esempio del Signore».

Il Papa osserva in conclusione: «Tante volte noi siamo docili ai nostri capricci, ai nostri giudizi. “Ma, io faccio quello che voglio …” … Così non cresce il Regno, non cresciamo noi. Sarà la docilità allo Spirito Santo che ci farà crescere e trasformare come il lievito e il seme».

Tags:
omelia santa martapapa francesco

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni