Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Semafori per distratti

Condividi

Correggiamo la nostra stupidità o adattiamo la nostra società ad essa?

di Sebastian Campos

La democrazia è indiscutibilmente un valore molto considerato dalla civiltà occidentale, curato dai potenti, apprezzato dai più umili e ritenuto fondamentale al momento di edificare la società. Quello che dice e pensa la maggioranza ha grande valore e peso, perché le società occidentali si edificano in base a queste opinioni e a questi modi di vedere la vita.

Tutto ciò è molto bello, un vero dono di Dio. Il fatto che tutti, indipendentemente da chi siano, abbiano una voce che può essere ascoltata, un’opinione che viene considerata e che al momento di prendere decisioni importanti abbiano valore cambia le cose e si fa sentire. Dall’altro lato, ci troviamo di fronte a uno sguardo positivista al momento di configurare il diritto, le leggi e le norme che ci reggono come società.

Come cristiani abbiamo una bussola, a cui possiamo ricorrere ogni volta che ci disorientiamo un po’ per sapere dov’è il vero nord: la legge naturale, la Parola di Dio, il Magistero della Chiesa e anche la nostra coscienza.

Ma cosa accade quando organizziamo le nostre società in base alle opinioni relative e democratiche della maggioranza? Probabilmente anziché procedere verso nord ci saranno momenti in cui andremo verso nord-est, o nord-ovest… Costruiamo bussole che non necessariamente puntano al nord.

In Germania e in altri Paesi è avvenuto qualcosa che ha conquistato i titoli dei telegiornali. Forse non stupisce tanto gli europei, ma a noi sudamericani fa venire voglia di prendersi la testa tra le mani e chiedersi con meraviglia: “Ma a cosa pensano questi tipi?”

L’uso massiccio degli smartphone tra gli europei ha iniziato a provocare incidenti automobilistici visto che i pedoni, immersi nelle loro tastiere mentre camminano, spesso attraversano la strada col semaforo rosso. Si sono verificati così tanti casi che in alcune città tedesche si è deciso di mettere i semafori a terra. Lucine al suolo perché quando i pedoni distratti arrivano a un incrocio non debbano interrompere la navigazione alzando gli occhi per vedere se il semaforo è verde o se si sta avvicinando un’automobile, ma sia necessario solo spostare leggermente lo sguardo dallo schermo e vedere se la luce che lampeggia al suolo è rossa o verde.


LEGGI ANCHE: 12 segni di dipendenza dal cellulare


Sembra aneddotico, ma è anche molto preoccupante. Siamo d’accordo sul fatto che debba essere un problema per i nostri amici tedeschi il fatto che la gente venga investita perché è distratta dal cellulare, ma da qui a stabilire politiche pubbliche finanziate con le tasse di tutti solo perché delle persone distratte non vogliono compiere il minimo sforzo per alzare la testa di qualche centimetro e vedere se il semaforo è verde o sta arrivando una macchina ce ne passa. La cosa preoccupante è che questo lì accade con i semafori a terra, mentre nei nostri Paesi latini si verifica con cose più importanti, come la salute riproduttiva, il matrimonio, l’economia, la povertà, le droghe e tutto ciò su cui si sta legiferando perché la maggioranza delle persone pensa che sia necessario cambiare le cose.

Nella pagina seguente vi proponiamo alcune idee per aprire il dialogo e capire come affrontare questo tema partendo da uno sguardo di fede.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni