Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Febbraio |
Sant'Agata
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

6 consigli per i genitori separati, per il bene dei figli

coppia separata figlia

michaeljung - shutterstock

LaFamilia.info - pubblicato il 20/10/16

I comportamenti che andrebbero evitati affinché i figli soffrano il meno possibile

A prescindere da quanto sia difficile la situazione di una coppia, la separazione è una decisione che ha conseguenze negative per i figli, quali che sia la loro età.

Di solito in una separazione i figli vengono a trovarsi in mezzo alle due “parti”, subendone le ingiuste conseguenze. L’obiettivo di questo articolo non è rimproverare il comportamento dei genitori che stanno attraversando una separazione, ma invitarli a fare più attenzione al modo in cui stanno gestendo il problema, soprattutto per quanto riguarda i comportamenti tenuti di fronte ai figli.

web-divorce-couple-infidelity-sadness-shutterstock_98507636-ollyy-ai
Shutterstock / Ollyy

Affinché i figli soffrano il meno possibile in questa situazione, i genitori dovrebbero evitare i seguenti comportamenti:

1. Nascondere ciò che sta succedendo

I figli hanno il diritto di sapere ciò che sta accadendo in casa, e non devono essere ingannati: prima o poi dovranno comunque affrontare la situazione. Bisogna parlare con loro sin dall’inizio, ascoltarli, comprenderli e rispondere ad ogni loro domanda: che ne sarà di me? Dove andrà a vivere papà? Quando potrò passare del tempo con papà o mamma?


LEGGI ANCHE: Lettera di un “figlio del divorzio” ai genitori


2. Spingere i figli a prendere una posizione

Usare i figli (consciamente o meno) come un ricatto per dominare, danneggiare o vendicarsi dell’altra persona – o utilizzarli addirittura come un trofeo – è un errore fatale che provoca in loro danni terribili.

3. Farli diventare messaggeri

È inaccettabile usare i figli per comunicare qualcosa all’ex coniuge, soprattutto se il messaggio ha il solo fine di screditare l’altra persona. Bisogna gestire i conflitti come persone adulte e civili.

4. Parlare male dell’ex

Quello che succede tra coniugi non deve in alcun modo intaccare il rapporto genitori-figli. Lui continuerà ad essere loro padre, e lei loro madre; il fatto che i due non stiano più insieme non cambierà mai la loro condizione di genitore.

divorzio famiglia
shutterstock / eelnosiva

5. Educare i figli in modo contraddittorio

Per il bene dei figli, padre e madre dovranno mettersi d’accordo su come educarli e prendere decisioni insieme. Se il papà approva qualcosa che la mamma non ha autorizzato (e viceversa) questo creerà tanti danni. Bisogna cercare di avere uno stesso metro di giudizio.


LEGGI ANCHE: La separazione dei genitori raccontata dai figli


6. Screditare il matrimonio

Tutti vogliamo vivere un buon matrimonio, tuttavia non sempre questo accade. Ecco perché è importante evitare di trasmettere ai figli un’idea sbagliata del matrimonio; non è un incubo, non è negativo. Bisogna enfatizzare che l’unità matrimoniale è un qualcosa per cui vale la pena lottare. Affinché un giorno, quando incontreranno la persona giusta, i figli possano lottare per condividere una vita insieme.

E in ultimo una premessa fondamentale: si può porre fine al matrimonio, ma mai al ruolo di papà o di mamma. Si è genitori per tutta la vita! Il fatto che non si condivida più lo stesso tetto come coppia non vuol dire che siano terminati gli obblighi genitoriali. I figli non devono soffrire le conseguenze dei problemi tra i loro genitori, ma purtroppo spesso sono proprio loro a pagare il prezzo più alto della fine del rapporto… Ecco perché non bisogna mai perdere la speranza di riportare la famiglia all’unione e all’armonia.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
figligenitoriseparazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni