Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconvaticano notizie
line break icon

Medio Oriente, offerta personale di Abu Mazen per i restauri del S.Sepolcro

Vatican Insider - pubblicato il 18/10/16

Il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) ha offerto a titolo di «contributo personale» una donazione per sostenere i lavori di restauro dell’Edicola del Santo Sepolcro. La notizia, riferita dai media ufficiali palestinesi e riportata dall’agenzia vaticana Fides, è stata diffusa in margine alla visita resa ieri al presidente Abbas dai rappresentanti delle Chiese che amministrano il Santo Sepolcro. Dell’ampia delegazione ricevuta a Ramallah, nella sede del presidente palestinese, figuravano tra gli altri il patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme Theophilos III, il patriarca armeno apostolico di Gerusalemme Nourhan Manougian e padre Francesco Patton, custode di Terra Santa. 

«La Basilica del Santo Sepolcro», ha affermato Abu Mazen durante l’incontro con la delegazione delle Chiese cristiane, «è un simbolo nazionale e religioso per il popolo palestinese. Abbiamo il dovere di prendercene cura, di proteggerlo e di contribuire al suo restauro. Così abbiamo deciso di offrire un contributo personale al restauro in corso della Tomba di Cristo». All’incontro di Ramallah ha preso parte anche il dottor Issa Kassissyeh, ambasciatore palestinese presso la Santa Sede. 

I restauri dell’Edicola del Santo Sepolcro sono iniziati lo scorso 8 maggio. La maggior parte degli interventi più rumorosi si svolge nottetempo, con l’impiego di trapani e martelli. Il progetto di riqualificazione, con un costo di 3,3 milioni di dollari, viene sostenuto dalla Chiesa cattolica, dalla Chiesa greco-ortodossa e dalla Chiesa armena apostolica. Nel mese di aprile, il re di Giordania Abdallah II aveva già fatto pervenire sottoforma di «beneficenza reale» (Makruma) una consistente donazione personale a favore del progetto. La Custodia francescana di Terrasanta, attraverso i suoi canali ufficiali, fornisce periodicamente gli aggiornamenti sull’avanzamento dei lavori.  

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni