Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Febbraio |
Santi Paolo Miki e compagni
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

“Aver confessato un omicidio mi ha salvato la vita”

web-penitent-man-bw-shutterstock_195699329-nuno-monteiro-ai

Shutterstock / Nuno Monteiro

Portaluz - pubblicato il 17/10/16

Esteban Lee non era disposto ad andare all'inferno

Il Venerdì Santo del 2013, Esteban Lee Goff è salito sul suo furgone e ha iniziato a girare senza meta. Doveva pensare a molte cose. Per tre giorni ha girato accompagnato solo dai suoi pensieri, percorrendo una distanza di oltre 1.600 chilometri, dalla sua casa nel sud del New Jersey fino a Detroit, in Michigan, e ritorno.

“Nel percorso devo essermi fermato in una dozzina di chiese cattoliche. Quando da lontano vedevo i campanili e le croci che svettavano nel panorama mi sembrava che mi invitassero a entrare e pregare. Ero un cattolico battezzato, ma avevo perso la fede e mi ero allontanato da Dio da molti anni. Da qualche tempo, però, qualcosa mi pesava gravemente sulla coscienza, e per tutto quel fine settimana ho pregato chiedendo perdono e coraggio per concretizzare quello che avevo già deciso di fare”.

Il lunedì dopo la Pasqua si è quindi armato di coraggio, è entrato in un commissariato del New Jersey e si è costituito, confessando di essere stato lui ad aver ucciso “Ricky”, un suo amico, 23 anni prima.

“In un accesso d’ira…”

Quel giorno era il 1° aprile, per questo il giovane ufficiale di Polizia che si trovava all’accettazione non ha creduto a quella confessione, pensando che si trattasse di uno scherzo. Ma non era così.

Il 5 maggio 1990, a 18 anni, Esteban aveva ucciso il suo amico Ricky. Dopo aver rubato in alcune farmacie e in alcuni studi medici e veterinari in cerca di steroidi anabolizzanti, dai quali Esteban era dipendente, ebbero un’accesa discussione. “Quella notte ero pieno di collera perché avevano scoperto che eravamo io e Ricky a commettere quei furti. In un accesso d’ira lo pugnalai in un bosco dietro al luogo in cui vivevamo. Un anno e mezzo dopo un cacciatore trovò i suoi resti. La Polizia mi interrogò, naturalmente, ma non vennero mai trovate prove sufficienti per accusarmi formalmente del crimine. Ho ucciso un uomo e non mi hanno preso. Poi ho cambiato vita e non ho più avuto problemi con la legge. Mi sono dedicato al lavoro e conducevo una vita abbastanza buona, ho perfino avuto un figlio”.

Man mano che passavano gli anni, tuttavia, il peso nella sua coscienza è diventato insostenibile, al punto che è anche arrivato a temere erroneamente che Dio potesse punirlo togliendo la vita a suo figlio. “Anche se pensavo, sbagliando, che Dio fosse un giudice iracondo e implacabile, Egli ha usato il mio senso di colpa e il timore del castigo eterno per aiutarmi a cambiare il corso della mia vita”.

Il pentimento e un segno di Dio

Ha anche influito, ricorda, la morte di sua madre quasi un anno prima di aver confessato il delitto. “Ora sa che suo figlio ha ucciso un altro essere umano”, ha pensato mentre veniva sepolta, potenziando il suo pentimento e la necessità di riparare al male commesso.

“Ho anche iniziato a pensare alla madre di Ricky. Non aveva forse il diritto di sapere come fosse morto suo figlio? La signora stava invecchiando, e anche se non avrei potuto restituirle il figlio vivo avrei potuto almeno dare alla sua famiglia la soddisfazione di vedere che l’assassino di Ricky veniva assicurato alla giustizia”.

Nonostante tutto, continuava a rimandare la decisione pur sapendo che era corretta, che era quella che gli avrebbe concesso la pace. Con questa tensione, il 13 marzo 2013 stava guardando il notiziario assente quando ha sentito inaspettatamente l’Habemus Papam e ha poi assistito ai primi gesti di papa Francesco davanti ai fedeli riuniti in Piazza San Pietro dopo che era stato eletto. Un’emozione spirituale indescrivibile lo ha invaso. Non è riuscito a reprimere l’impulso, e senza sapere perché lo faceva ha cercato una Bibbia che ha aperto subito.

“Mi è sembrato che le parole di Gesù saltassero fuori dalla pagina. Ho letto il suo avvertimento impressionante sulla necessità di riconoscerlo pubblicamente e le conseguenze del negarlo (Matteo 10, 32-33). Poi ho letto le sue parole di misericordia e incoraggiamento: la parabola della pecora smarrita e la sua affermazione che ‘ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione’ (Luca 15, 7), e anche ‘Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a convertirsi’ (Luca 5, 32). Gesù mi stava chiamando. Era arrivato il momento di riconoscere e confessare l’orribile peccato che avevo tenuto nascosto e di ricevere il perdono di Dio per ricominciare”.

La riparazione

Esteban Lee Groff sta oggi scontando la sua condanna in un carcere del New Jersey. Per caso, gli è capitata tra le mani una copia della rivista cattolica The Word Among Us e ha deciso di rendere pubblica la sua testimonianza.

“Se mi pento della mia confessione? No! Aver confessato l’omicidio mi ha salvato la vita, perché non mi sono mai sentito più libero di ora. Sembra del tutto ironico, considerando che sto scrivendo queste righe dietro le sbarre. Quando morirò, dovrò presentarmi davanti a Dio e rendergli conto dell’orrendo crimine di aver eliminato una vita preziosa creata da Lui, e questo pensiero mi fa rabbrividire. Ho comunque riconosciuto il mio peccato nella confessione sacramentale e sto facendo penitenza. So che Dio mi ha perdonato e ho fiducia nella misericordia del mio divino Redentore. Nel frattempo, faccio tutto ciò che posso per coltivare la mia fede. In carcere abbiamo la Messa settimanale e c’è l’opportunità di confessarsi”.

“L’unica cosa che voglio fare è dedicare il resto della mia vita a diffondere la buona novella di Gesù Cristo, mio Signore. Farlo qui in carcere, dove c’è tanta gente che lotta contro i propri demoni interiori, è una missione complicata, ma la maggior parte dei reclusi si rende conto che io sono in pace”.

“Questa, quindi, è la mia storia. Ora chiedo al Signore di usarla per dare speranza a voi o a qualcuno che conoscete. Il mio desiderio più grande è che la mia testimonianza serva ad aiutare almeno un’anima tribolata, come la persona che ero io prima della mia confessione”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
confessione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni