Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 14 Giugno |
Sant'Eliseo
home iconStile di vita
line break icon

Un metodo per gestire la sofferenza e non aver paura di guardarsi dentro

Jim Jackson - CC

don Fabrizio Centofanti - pubblicato il 14/10/16

Il punto più difficile della nostra crescita è fare i conti con la sofferenza sperimentata nel passato. Le esperienze dolorose riemergono solo nel silenzio, in un contatto personale con Gesù, poiché sono in genere occultate da meccanismi di difesa che impediscono di vivere aperti alla realtà, tarpando le ali, frenando le energie, vietandoci di gustare il dono di una vita autentica.

Davanti al Volto di Cristo, nell’incontro profondo con la nostra identità, emergono episodi che abbiamo rimosso e che hanno prodotto effetti inconsci, rendendoci vittime di una tristezza apparentemente immotivata. È come se un veleno s’insinuasse nel sangue a nostra insaputa, impedendoci di prendere le contromisure più adeguate per neutralizzarlo.

Molte persone vivono così: avvelenate dalle sostanze tossiche del proprio passato non riconosciuto, e quindi non elaborato.

Che fare? Il metodo è sempre lo stesso: nella meditazione-preghiera silenziosa, davanti a un’immagine del Cristo, lasciamo emergere le esperienze dolorose, mettiamole a contatto con lo Spirito Santo, permettiamo che trasmetta loro un senso nuovo, una diversa prospettiva, nella quale “sentiamo” noi stessi e chi ci ha ferito sotto l’aspetto della tenerezza e del perdono. Constatando che il Signore si serve anche dei problemi per condurci dove vuole, per farci “scivolare” nella sua dimensione d’amore, arriveremo ad accettare il passato, anzi, a farne un punto di forza della nostra identità.

Avremo così integrato l’”ombra”, operazione che per Jung è il principio della vera guarigione. Non avremo più paura di guardarci dentro, di ascoltare il cuore, che sarà l’alleato della nostra fede.

Tags:
dolorepsicologiasofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni