Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Conosci il patrono dei separati e dei matrimoni difficili?

Fr Lawrence Lew, O.P.-CC
Condividi

Le 7 caratteristiche del re Edoardo che gli permetteranno di conquistare la tua fiducia

In Inghilterra ci fu un re che lavorò costantemente per mantenere la pace nei suoi Stati e la comunione con la Chiesa cattolica. Sant’Edoardo, chiamato il Confessore, è stato il più popolare dei re inglesi dell’antichità.

Tre qualità gli fecero meritare la sua fama di santo: era molto pio, estremamente gentile e amava molto la pace.

Un autore vissuto all’epoca ci ha lasciato questi dati su di lui:

  • Era un vero uomo di Dio.
  • Viveva come un angelo tra tante occupazioni materiali, e si notava che Dio lo aiutava in tutto.
  • Era così buono che non ha mai umiliato con le sue parole neanche l’ultimo dei suoi servi.
  • Si mostrava particolarmente generoso con i poveri e con gli emigrati, e aiutava molto i monaci.
  • Anche quando era in vacanza o andava a caccia, non si perdeva neanche un giorno la Messa.
  • Era alto, maestoso, dal volto roseo e con i capelli bianchi.
  • La sua sola presenza ispirava affetto e apprezzamento.

La vita

Nacque verso il 1003, figlio del re anglosassone Etelredo “l’Indeciso”. Era figlio del terzo matrimonio di Etelredo con la principessa Emma di Normandia.

Quando nel 1015 il re danese Canuto invase l’Inghilterra, la madre Emma partì subito con Edoardo e suo fratello Alfredo verso la Normandia, dove svilupparono grande familiarità con i normanni e i loro leader.

Poco dopo la morte del marito Emma tornò in Inghilterra, sposando in seguito Canuto, durante il governo danese in Inghilterra.

Dopo la morte di Canuto e dei suoi figli, il diritto anglosassone e la nobiltà ecclesiastica invitarono Edoardo, figlio di Emma, a tornare in Inghilterra. Era il 1041. Nel 1042, a circa 40 anni, divenne re.

Un modello di re

Per evitare che si ravvivasse il risentimento della nobiltà anglosassone, nel 1045 Sant’Edoardo si unì in matrimonio con Edith, la figlia del conte Godwin, scontento per l’elezione di Edoardo al trono e che con il suo atteggiamento costituiva una minaccia per il suo regno.

La tradizione dice che Edoardo e la moglie erano persone così ascetiche e dedite a Dio che decisero di vivere insieme come fratello e sorella, per poter così raggiungere la santità. Sant’Edoardo conservò quindi la sua castità.


LEGGI ANCHE: Da sposati si può essere casti? Oppure è un qualcosa che riguarda soltanto i religiosi?


Edoardo ebbe dei modi d’agire che lo resero estremamente popolare tra i sudditi e lo trasformarono in un modello per i futuri re.

La prima cosa che fece assumendo il suo incarico fu sopprimere l’imposta di guerra, che rovinava molta gente.

Durante il suo lungo regno cercò di vivere nell’armonia più completa con le Camere legislative (che divise in due: Camera di Lord e Camera dei Comuni).

Si preoccupò sempre di far sì che gran parte delle imposte che venivano raccolte fosse ripartita tra i più bisognosi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni