Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Da baby-soldato a pittore di croci: così coloro il mondo di speranza

© LWF/ C. Kästner
Christian Chavarria Ayala painting a cross (© LWF/ C. Kästner)
Condividi

Ha conosciuto la morte e l'esilio. Oggi Christian Chavarria Ayala usa solo colori brillanti, "quelli di Dio"

A quattro anni hanno ammazzato suo fratello e sua sorella davanti ai suoi occhi, a 12 gli hanno messo in mano una pistola ed è diventato un bambino-soldato nelle fila della “guerrilla”. A El Salvador, negli anni ’80 non era possibile essere bambini. Christian Chavarria Ayala ha conosciuto la povertà, la fame, la guerra civile, l’esilio. Oggi dice: “Sento che ho avuto una vita benedetta, sono grato di questa vita che Dio mi ha dato e per tutto quello che ho adesso”. Christian è un artista, dipinge soprattutto croci. Usa colori sgargianti, tipici della sua cultura, ma non solo: “I colori sono quelli con cui Dio ha dipinto il nostro mondo. Siamo noi che li trasformiamo in nero o grigio con le nostre azioni”. A lui è stato chiesto di dipingere la grande croce per la Joint Ecumenical Commemoration del 31 ottobre a Lund (Svezia) per i 500 anni della Riforma protestante. “Il mio paese è uno dei posti più pericolosi al mondo. È bello poter dire che facciamo anche cose buone. Ancora abbiamo fede, speranza, ancora vogliamo combattere per la giustizia e la pace”.

Così si racconta Christian: “Ho vissuto in un campo per rifugiati per otto anni e lì ho cominciato a dipingere. Ho sempre sentito le persone intorno a me dire che la vita è portare la croce ogni giorno. Hanno ammazzato la nostra gente – fratelli, sorelle, madri, padri, nonni, vicini, amici. La vita è stata crudele, dolorosa. Ma tutto questo poteva essere trasformato in qualcosa di migliore. La croce che portiamo dobbiamo trasformarla in simbolo di speranza, di fede, di vita”. Christian non è stato bambino: “L’infanzia l’ho persa da qualche parte nelle montagne di El Salvador”. Christian racconta la fuga, con la famiglia, fino all’Honduras, con i soldati che sparavano da entrambi i lati del fiume che scorre al confine. È stata una carneficina, ma Christian e la sua famiglia si sono salvati e hanno raggiunto un campo profughi dove hanno vissuto sette anni. Quando tornano a El Salvador, Christian è pieno di rabbia e di sete di vendetta. Come tanti. Tutti hanno visto uccidere un fratello, un genitore, un amico. Viene arruolato nella guerriglia e buttato in mezzo alla mischia senza alcuna precauzione.

Un episodio lo ha segnato: “Un giorno due miei amici sono stati uccisi da una bomba. Io urlavo, mia madre e altri pregavano. Ero arrabbiatissimo, gli ho detto: come potete pregare un Dio che non ci ascolta? Dio è crudele! Mia mamma mi ha detto: ‘non devi incolpare Dio, non è Lui che sta facendo questo. Come Dio lavora in mezzo a noi, anche il Diavolo lavora attraverso gli uomini. Nella vita attraverserai tante difficoltà ma non incolpare mai Dio, invece ringrazialo e sii misericordioso. Se vuoi vedere Dio guarda negli occhi dei tuoi amici, dei tuoi vicini, lì c’è Dio; ma guarda anche negli occhi dei tuoi nemici e forse potrai vedere Dio nei tuoi stessi occhi, nel tuo cuore’. Avevo 11 anni”. Christian arriva nella capitale in modo rocambolesco. Vuole trovare un lavoro e aiutare la sua famiglia. Ma soprattutto “volevo studiare e cambiare il mio paese in un modo diverso dalla violenza”. Ritrova la Chiesa luterana, che aveva accompagnato la sua famiglia negli anni della fuga, dell’esilio e del ritorno in patria. “La Chiesa luterana è il modo che Dio ha usato per salvarmi. Mi hanno mandato a scuola. Aiutavano le persone a prescindere dalla loro fede, le vedevano come persone di Dio. Mi piaceva questo e ho deciso di confermare la mia fede”.

A 13 anni per Christian comincia una nuova vita. La pittura lo segue sempre: “La mia arte è un dono di Dio. All’inizio era un hobby, ma alle persone piacevano le mie croci e così pian piano è diventato il mio lavoro”. La guerra civile non accenna a finire. È il 1993: Christian riceve minacce ed è costretto a scappare. Arriva in Svezia, niente di più lontano dalla sua cultura e dal suo mondo. Ma è qui che la sua carriera artistica spicca il volo, come le colombe che disegna nelle sue croci: un giorno ne regala una a un pastore finlandese e poco tempo dopo iniziano ad arrivare commesse, anche importanti. Dopo due anni e mezzo Christian rientra a El Salvador. Oggi al piano superiore della congregazione luterana La Résurrection ha creato il suo studio e nei periodi di lavoro più intenso riesce a impiegare anche altre persone. “Mi guardo intorno, guardo la natura. La creazione di Dio è così infinita che non faccio mai due croci uguali”. Le sue opere hanno viaggiato in tutto il mondo, e sono arrivate nelle mani di personalità importanti, anche a Papa Francesco. “Vorrei poter dire a tutti: non siamo soli. Dio è sempre al nostro fianco. Dobbiamo solo guardare, dobbiamo solo ascoltare, abbiamo solo bisogno di aprire il nostro cuore a Dio”.

Nella croce che gli è stata commissionata per la Joint Ecumenical Commemoration la base sono le mani di Dio che reggono e abbracciano il mondo. Da qui nasce la vite, i cui tralci sono il popolo di Dio. La vite è poi collegata al fonte battesimale, nel quale l’uomo rinasce. Salendo si arriva al banchetto “a cui Dio invita tutti, non importa da dove vieni o qual è la tua religione, di che colore sei, se sei uomo o donna, perché tutti siamo figli di Dio. Dio ci invita al banchetto, non ci chiede: sei luterano? Sei cattolico?”. L’incarico lo ha sorpreso e riempito di gratitudine. Dice: “Voglio continuare a impegnarmi per la pace, dare speranza alla gente che pensa di averla perduta. Se abbiamo fede, abbiamo speranza; se abbiamo speranza possiamo vivere; se abbiamo vita, Dio è in noi; se Dio è in noi abbiamo amore e l’amore deve abbattere i muri che ci separano. Sono così contento per questo riavvicinarsi delle nostre chiese! Dio ci sta parlando”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni