Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I benefici terapeutici del canto gregoriano

Condividi

Attende Domine

“Ad te, Rex summe, omnium Redemptor, oculos nostros sublevamus flentes:exaudi, Christe, supplicantum preces”

Il canto gregoriano è riconosciuto dalla Chiesa cattolica come il canto proprio della liturgia romana. È un canto liturgico interpretato normalmente da un coro di voci bianche, o maschili, o da un solista chiamato ‘cantore’. Normalmente deve essere cantato a cappella, cioè senza accompagnamento strumentale, perché non sia in alcun modo alterata la struttura di questo tipo di musica.

È un canto che utilizza un  ritmo simile a quello del respiro, si crea quindi, un armonia, tra la frase cantata e il respiro del cantore, per questo è una musica che favorisce la meditazione e l’interiorizzazione delle parole cantate, e possiede un effetto psicologico e fisiologico molto profondo: la respirazione si calma e il battito cardiaco rallenta.

In questo contesto musicale l’individuo può facilmente raggiungere uno stato di attenzione e rilassamento. È un esercizio  che aiuta la concentrazione e da molta energia ed è un’ottima pratica di meditazione.

‘Attende Domine’ , fa riferimento al salmo 50: ‘Miserere’.  Per il suo carattere, e la sua solennità, la destinazione migliore per questo brano, è quella di un inno d’ingresso nel tempo di Quaresima, in quanto introduce molto bene al clima celebrativo del tempo liturgico.

Costanza d’Ardia

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni