Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

5 cose che i terapeuti vorrebbero che i pazienti sapessero prima di iniziare la terapia

Shutterstock/ESB Professional

William McKenna, MS - pubblicato il 14/10/16

2. Non do consigli

Questo punto si collega bene a quello precedente. Spesso le persone vanno in terapia e chiedono a bruciapelo cosa dovrebbero fare in questa o quest’altra situazione. I pazienti credono che se il terapeuta dicesse loro cosa fare tutto andrebbe bene. Al contrario, andrebbe tutto peggio. Quando un paziente cerca il consiglio del terapeuta, alla fin fine vuole nascondersi dietro la decisione del terapeuta e poter così o dare la colpa al terapeuta per il fallimento di una situazione o usare il suo consiglio come argomentazione quando amici e familiari lo affrontano riguardo a un certo comportamento. In ogni caso la situazione è senza via d’uscita, e può iniziare a costruire una dipendenza del tutto controproducente. La terapia dovrebbe concentrarsi maggiormente sull’aiutare il paziente a vedere i propri punti di forza e la sua capacità di influenzare il proprio presente e futuro.

3. La terapia durerà più di un mese

Sì, ci sono terapeuti che affermano di potervi dare le capacità di cui avete bisogno in uno o due mesi, ma una terapia di questo tipo trascura le questioni più profonde. La ricerca ha indicato in modo consistente che uno stile di terapia di questo tipo può portare a un ricaduta nei sintomi. Bisogna quindi chiedersi quale tipo di cambiamento si vorrebbe verificare nella propria vita, se permanente o temporaneo. La ricerca ha anche indicato che la terapia inizia davvero a funzionare in circa sei mesi, e poi ancora dopo un anno. Dopo quel momento, gli effetti della terapia iniziano a stabilizzarsi. Buona parte della durata della cura dipenderà dalla gravità del problema combinata con l’impegno a cambiare.

4. Siate onesti con il vostro terapeuta, ma soprattutto con voi stessi

La terapia diventa inutile per i pazienti non disponibili ad essere onesti con se stessi circa la propria situazione e onesti con il terapeuta su ciò che sta accadendo realmente nella loro vita. Se i terapeuti non sono capaci di comprendere il panorama più ampio soggiacente alla situazione, può essere difficile compiere grandi progressi nella cura. Tutti i terapeuti, tuttavia, capiscono che ci vuole tempo per creare un rapporto in cui ci si sente abbastanza sicuri da riuscire a svelare segreti su di sé, ma a un certo punto bisogna fidarsi della persona che si ha davanti. Ricordate, siamo qui per aiutare.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
psicologiaterapia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni