Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
San José Vaz
home iconApprofondimenti
line break icon

Sono disabile. Perché non dovevo nascere?

Fot. Krzysztof Stępkowski

Grzegorz Polakiewicz - pubblicato il 11/10/16

Cosa provano i disabili di fronte al dibattito sull'aborto in Polonia?

Si sta facendo tardi, ma ho comunque deciso di sedermi al computer per buttar giù qualche pensiero. Oggi ho letto quello che ha affermato la signora Bakuła: “Senza l’aborto, nascerebbero degli storpi”. Ho letto anche questo commento: “Piuttosto che combattere l’aborto, dovremmo pensare a cosa fare perché non nascano tanti storpi. In parte so la risposta a come limitare drammaticamente questo fatto”. Non menzionerò nemmeno alcune e-mail private.

Sono un disabile. Sono una persona che secondo molti non dovrebbe essere nata affatto! Ho una malattia congenita e un’altra dozzina di patologie; non ho la gamba sinistra. I trent’anni della mia vita sono stati finora pieni di prove e tribolazioni. Ma questo non conta. Da quando ho 15 anni ho lavorato sodo, visto che la mia famiglia non era in grado di provvedere a me. Ho dedicato ogni mio momento libero a stare vicino ad altre persone: negli hospice, nei reparti oncologici degli ospedali, nelle case-famiglia, nelle prigioni, nei centri di assistenza, in stazioni, parchi, chiese, pub… Ho incontrato senzatetto, malati e poveri. Ho parlato personalmente con papi, Capi di Stato, cardinali, cosiddette celebrità e prostitute. Ho incontrato politici e imprenditori di successo, bambini, giovani, adulti e anziani, persone che credono in Dio e persone che non ci credono. Bambini e adulti mi sono morti tra le braccia. Ho amato e odiato. Come chiunque altro, avevo i miei sogni.

Nella vita ho anche avuto la mia dose di sofferenza fisica e spirituale. Sono stato un senzatetto, respinto e tradito. Da bambino ho sentito mio padre dire che lo repellevo; sono state queste le parole che ha pronunciato sul letto di morte. Quando venivo anestetizzato su un tavolo operatorio, ho avuto la premonizione che non avrei più riaperto gli occhi.

  • 1
  • 2
Tags:
abortohandicappolonia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni