Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ho abortito a 19 anni, non commettete questo grave errore

Shutterstock
Condividi

Ogni volta che una donna mi dice di essere decisa ad abortire o insicura posso comprenderla, abbracciarla

Questo pomeriggio, narrando ancora una volta la mia storia dolorosa e piangendo pentita, ho sentito l’urgente bisogno di venire qui davanti al tabernacolo a parlare con Gesù, a ringraziarlo per il perdono immeritato, per l’Amore che sento fin nelle ossa, nell’utero, nel cuore e nell’anima, per la certezza che mi ama.

Questa misericordia sperimentata da quando sono diventata più consapevole del terribile peccato che ho commesso mi ha dato coraggio e fiducia per scrivere e parlare alle donne, chiedendo loro di non commettere questo grave errore, del quale si pentiranno sempre.

Non sono mai stata consapevole del mio aborto fino a quando non ho compiuto 42 anni, perché ho deciso di seppellirlo, di dimenticarlo. A volte ho perfino pensato di aver immaginato di essere stata incinta e di aver abortito. Bugia!

Risvegliarmi a questa atrocità mi ha guarito il corpo, la mente e il cuore, e mi ha permesso di conoscermi e di scoprire perché sono nel mondo.

Nessuna donna dovrebbe mai abortire

La parola “abortire” è la più oscura del vocabolario. Ha un peso scomodo, disarmonizzante, di morte. Morte dell’umanità, della dignità di essere persona, dell’autostima e di tutte le speranze nei confronti della vita.

A 42 anni ho iniziato a capire perché la mia vita era andata com’è andata, perché il rapporto con il mio ragazzo è terminato, qual era il motivo delle mie depressioni e della mia rabbia, perché avevo un matrimonio senza coniugalità e perché ero emotivamente scollegata dai miei figli.

Sono queste le conseguenze dell’aborto. Chi lo avrebbe mai detto? Perché nessuno mi ha avvertita?

Ora so che Dio è Misericordia, che sono stati dodici anni di purificazione, riparazione e illuminazione sul valore e sulla sacralità della vita.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni