Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
San Gabriele dell'Addolorata
home iconvaticano notizie
line break icon

Porpore a stelle e strisce, il criterio di Francesco

Vatican Insider - pubblicato il 09/10/16

Le tre berrette rosse che arrivano a vescovi statunitensi nel concistoro del 19 novembre annunciato da Francesco all’Angelus di domenica 9 ottobrerappresentano un segnale. Il Papa mostra di non voler penalizzare la grande e potente Chiesa americana, ma al tempo stesso con la sua scelta dei nomi, indica una strada. La stessa che aveva indicato nel discorso da lui tenuto davanti ai vescovi degli States nel settembre 2015, nel primo giorno della sua visita a Washington. Bisogna tornare a quelle indicazioni per comprendere la scelta di aggregare al collegio cardinalizio tre nuovi porporati che un tempo si sarebbero considerati di «centro».

Quella per Kevin Joseph Farrell, nato in Irlanda ma per decenni vescovo negli Stati Uniti, appena nominato Prefetto del nuovo Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, «partorito» dalla riforma della Curia romana, era in fondo la berretta più scontata e prevedibile. Nel suo caso, l’indicazione significativa è stata quella di chiamarlo dagli Usa per presiedere il nuovo dicastero. Blase Cupich, a Chicago da due anni, è stata la prima nomina di Bergoglio in una diocesi di grande rilievo negli Usa. Mai entrato nelle rose dei candidati, il Papa l’ha scelto per cominciare a cambiare il modello dei vescivi «cultural warriors» americani. Infine, ancora più sorprendente, la nomina cardinalizia di Joseph William Tobin, arcivescovo di Indianapolis, allontanato dalla Curia romana dopo appena due anni da segretario della Congregazione per i religiosi perché considerato troppo «morbido» con le suore americane progressiste.

Quello nordamericano è apparso uno degli episcopati che più faticano a entrare in sintonia con Francesco. Negli ultimi decenni, attraverso la selezione dei nuovi vescovi, a capo delle più importanti diocesi statunitensi erano stati designati prelati attivissimi nelle pubbliche battaglie pro-life, meno attivi quando si trattava di alzare la voce di fronte ai problemi della giustizia sociale. Con quel discorso nella cattedrale di San Matteo a Washington diretto alla Chiesa americana, il Papa chiedeva di voltare pagina e cambiare sguardo. Il Papa invitava i vescovi a non usare un «linguaggio bellicoso» né a limitarsi solo ai «proclami». Bisogna invece «conquistare spazio nel cuore degli uomini» senza mai fare della croce «un vessillo di lotte mondane».

È certamente utile al vescovo, sottolineava Francesco, avere «la lungimiranza del leader e la scaltrezza dell’amministratore», ma «decadiamo inesorabilmente» se ci affidiamo alla «potenza della forza». I pastori non devono dunque trasformarsi in manager e guardare alla Chiesa con i criteri dell’efficienza aziendale. Non devono cioè pensare che l’evangelizzazione consista nei mezzi economici, negli strumenti di management o nella potenza dei mezzi di comunicazione.

Quanto all’atteggiamento verso la società, Bergoglio aveva detto: «Guai a noi se facciamo della croce un vessillo di lotte mondane», dimenticando che per vincere bisogna «lasciarsi trafiggere e svuotare di sé stessi». I vescovi dunque non possono lasciarsi «paralizzare dalla paura», rimpiangendo «un tempo che non torna» e reagendo con «risposte dure». Il linguaggio «aspro e bellicoso» non ha infatti «diritto di cittadinanza» nel cuore di un vescovo, anche se sembra «assicurare un’apparente egemonia». Divisioni e frammentazione sono ovunque, ma la Chiesa «non può lasciarsi dividere, frazionare o contendere». Un appello alla comunione e all’unità rivolto a una Chiesa fortemente polarizzata – come peraltro l’intera società americana – fra conservatori e progressisti.

La via che il Papa suggeriva, per superare le polarizzazioni, è quella della mitezza, del dialogo umile con tutti. Se non si agisce così, spiegava, «non è possibile comprendere le ragioni dell’altro» né capire che il fratello da raggiungere con «la prossimità dell’amore», cioè la persona, conta sempre di più delle posizioni «che giudichiamo lontane dalle nostre pur autentiche certezze». Francesco elencava infine i temi sui quali non si può tacere: «Le vittime innocenti dell’aborto, i bambini che muoiono di fame o sotto le bombe, gli immigrati che annegano alla ricerca di un domani, gli anziani o i malati dei quali si vorrebbe far a meno, le vittime del terrorismo, delle guerre, della violenza e del narcotraffico, l’ambiente devastato».

Non soltanto, dunque, l’agenda pro-life o contro le nozze gay. Non bastano «proclami e annunci esterni», non basta cioè fare atti d’accusa riportati dai giornali. Bisogna «conquistare spazio nel cuore degli uomini e nella coscienza della società». Come dire che non si evangelizza con le battaglie. Siate «pastori vicini alla gente pastori prossimi e servitori», era stato l’invito finale del Pontefice. Con le porpore statunitensi appena annunciate, Francesco concretizza le parole pronunciate a Washington un anno fa

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni