Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconStile di vita
line break icon

Le risate della piccola Anna, bimba con sindrome di down, che impazzano su Facebook!

Facebook

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 06/10/16

I genitori sono fondatori della popolare pagina facebook "Buone notizie secondo Anna"

Una coppia di Padova ha creato una pagina Facebook dedicata alla loro bimba con la sindrome di Down. Per dire con un sorriso quanto lei sia straordinaria.

«Se hai una giornata un po’ down, ti consiglio un’overdose di RisatAnna prima e dopo i pasti». scrive il papà della piccola Anna, Guido Marangoni, insieme alla mamma Daniela Pipinato.

COMICO PER PASSIONE

Ma fate attenzione, perché Buone notizie secondo Anna può creare dipendenza: è ironica, spiritosa, sdrammatizza. Creata da meno di sei mesi sul social media più utilizzato in Italia, “piace” già a oltre 20 mila persone e ha accumulato 3 milioni di visualizzazioni. Parla in modo esplicito della sindrome di Down. Perché Anna, come dice lei stessa in un fumetto, ha un «X factor» in più, in ogni singola cellula. Papà Guido, che oltre a essere ingegnere informatico è anche attore comico per passione, ha scelto un umorismo delicato per parlarne.

LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO

«Lo spunto per creare questa pagina lo ha dato il Papa – spiega Guido a Credere (16 marzo). Mi interesso di comunicazione per la diocesi di Padova ed ero rimasto colpito dal discorso di Papa Francesco per la Giornata delle comunicazioni sociali 2015. Diceva che dobbiamo imparare a raccontare “storie belle” attraverso i nuovi media. Ho pensato a qualcosa che non fosse pietistico. Così è nata la pagina di Anna che sta andando oltre le nostre aspettative».

IL DIALOGO CON LE ALTRE FAMIGLIE

Ed ora è tutta la famiglia, perché Anna è la terza di tre sorella, a comporre i testi per la pagina facebook. «Abbiamo dato vita a una piccola redazione insieme alle figlie più grandi – dice Guido a Famiglia Cristiana (5 ottobre) – Scriviamo le battute tutti insieme. Ma la cosa più sorprendente sono, da quando abbiamo aperto la pagina, i tanti genitori che sentono l’esigenza di scrivere a una famiglia sconosciuta. Succede spesso che poi ci incontriamo. Anche per noi, quando abbiamo saputo di Anna, è stato di aiuto conoscere e parlare con altre famiglie di bambini down».

LA PROFEZIA

La nascita della piccola Anna, che ha rivoluzionato la vita di Guido e Daniela è preceduta da un incontro speciale che il futuro papà ebbe a Roma.

“Quando sarai padre, qualunque cosa accada, non avere paura”. Aveva 17 anni, Guido, quando Madre Teresa di Calcutta, proclamata santa lo scorso 4 settembre, guardandolo negli occhi, gli rivolse quelle parole. Guido era in gita a Roma con un campo scuola, e, assieme ai compagni, era andato a visitare la casa delle Missionarie della Carità. Non sapeva che quella frase gli sarebbe riecheggiata nella testa alcuni anni più tardi, in una stanza dell’ospedale civile di Padova dove sarebbe stato convocato assieme a sua moglie Daniela, incinta del loro terzo figlio, quando la dottoressa avrebbe pronunciato due parole che sarebbero risuonate come una sentenza: “Trisomia 21” (Padova Oggi, 8 settembre).

UN’ATTESA SERENA

Daniela e Guido erano ufficialmente in attesa di Anna, una bambina con sindrome di Down che oggi ha quasi due anni e mezzo. «In quella stanza di ospedale, per me tutto si è fermato – racconta il papà – sentivo solo rimbombare nella testa quel ‘don’t be afraid‘ che avevo sentito tanti anni prima. Il colpo di genio lo ha avuto mia moglie: ‘Scusi, dottoressa – disse – vorrei sapere se nostro figlio è un maschio o una femmina’. La dottoressa rimase sbigottita, cercò tra le carte e ci disse che era una femmina. ‘Neanche questa volta siamo riusciti a fare un maschio‘, scherzai allora con mia moglie».

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
facebooksindrome di down
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni