Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
News

Una storia “terribile e magnifica” di bulimia

Flickr.com/ Creative Commons/ ·S

Silvia Lucchetti - Aleteia - pubblicato il 05/10/16

Il diario di un coma «perché vada perso il meno possibile della vita»

«E guarirai da tutte le malattie, perché sei un essere speciale, ed io, avrò cura di te».

A questo verso della meravigliosa canzone di Battiato fa pensare il libro di Alessandro Mazzochel: “La caduta delle farfalle” (Città Nuova editrice), un diario in cui l’autore racconta la storia vera della sua ragazza malata di bulimia alla quale scrive mentre lei è in coma in ospedale a causa di un arresto cardiaco.

«MI ACCORGO CHE STAI MORENDO»

Quando Wendy si sente male è in casa con il fidanzato, è mattina presto e stanno dormendo, lui inizialmente sente dei rantoli, crede che si tratti di un incubo e prova a svegliarla. Poco dopo si accorge che il viso della giovane è cosparso di macchie viola e gialle, che le esce schiuma dalla bocca e che ha le braccia rigide…

«(…)mi accorgo che stai morendo… Ora, mentre scrivo queste righe, riprendo in mano il tuo cellulare, ripercorro le chiamate… ecco, il 118 l’ho chiamato alle 6.29. Nove minuti da quando ho sentito i tuoi rantoli. Per quasi quattro minuti cerco di spiegare all’operatore la situazione, dove abitiamo e che soffri di bulimia. Mi dice di chiudere la conversazione e spostarti su una superficie rigida. Sollevo il tuo magro corpo dal letto, la testa mi scivola dalle braccia, credo di averti fatto del male ma con l’avambraccio ti sollevo e riesco a portati in salotto, sopra il tappeto. (…) Sono quasi certo che tu oramai sia morta. Dopo qualche istante, alle 6.34, mi richiama l’operatore. Mi fa mettere un cuscino sotto i tuoi capelli, come ho fatto a non pensarci? Apri gli occhi di scatto, lo sguardo fisso, senza luce, perso nel vuoto, forse per sempre… quello dei morti… Mi chiede se respiri. Non lo so, non lo capisco».

«L’HAI SALVATA»

Aiutato dall’operatore al telefono, Alessandro comincia il massaggio cardiaco e così le salva la vita:

«Ogni colpo di massaggio è un rantolo di aria cavernosa (…) e poco dopo sento in lontananza una sirena. Le braccia hanno ormai perso vigore, mi rendo conto di aver diminuito il ritmo ma resisto finché non sento vicinissima l’ambulanza. (…) Il dottore e l’infermiera, dopo aver tastato la gola, mi dicono: «Questa è in arresto cardiaco». Temevo dicessero: «Questa è andata». Poi tutto avviene velocemente. Estraggono il defibrillatore da una sacca di plastica nera e iniziano a praticare le prime cure. «È bulimica», continuo a dire. «Ha preso troppi calmanti?», insiste a chiedere il dottore. «Non penso, non è tipo, non lo ha mai fatto», rispondo. (…) Sono sicuro, ma cerco per scrupolo mentre loro continuano con il massaggio cardiaco e un’altra defibrillazione. Rovisto ovunque, in frigo, nella dispensa della cucina, nel bagno, nelle borse, nei comodini… Non trovo nulla. Torno. Dopo la terza defibrillazione riparti a respirare. «Qui è stato il parente», commenta la donna, ai tuoi piedi. «Sono stato io?», chiedo preoccupato «a rovinare qualcosa? Ho causato io l’arresto?». «No, l’hai salvata», mi rispondono tutti e tre. «Andava bene quello che ho fatto, allora?»; me lo confermano».

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
alimentazionebulimiacomafedemalattiarecensioni di libri
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni