Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Ottobre |
San Giovanni da Capestrano
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

Tre dettagli poco noti sul Purgatorio

Artist (Italian, Florentine) Details of artist on Google Art Project [Public domain], via Wikimedia Commons

Daniel R. Esparza - pubblicato il 04/10/16

“Fino a che dunque il Signore non verrà nella sua gloria, accompagnato da tutti i suoi angeli e, distrutta la morte, non gli saranno sottomesse tutte le cose, alcuni dei suoi discepoli sono pellegrini sulla terra, altri, compiuta questa vita, si purificano ancora, altri infine godono della gloria contemplando ‘chiaramente Dio uno e trino, qual è’”.

Se le anime del Purgatorio fanno parte della Chiesa purgante – come potremmo esserlo noi, tra le nostre sofferenze come Chiesa militante –, allora fanno ovviamente parte del Corpo Mistico di Cristo, e quindi restano uniti a Lui.

La sofferenza in Purgatorio è volontaria

Ciò merita una spiegazione un po’ più dettagliata. Come si legge nel post di Shaun McAfee su EpicPew, nel trattato sul Purgatorio di Santa Caterina da Genova si spiega che vedendo ciò che la aspetta in Cielo l’anima si “getta” volontariamente nel Purgatorio. Il Purgatorio è volontario non perché qualcuno possa scegliere di non andarci, ma perché vedendo ciò che guadagna passandoci l’anima vi si sottomette volontariamente. San Tommaso d’Aquino dice esattamente lo stesso.

In Purgatorio c’è anche gioia

In genere si pensa al Purgatorio come luogo di sofferenza, anche se temporanea, ma in realtà, come spiega Santa Caterina da Genova, il Purgatorio non è esente da gioia. Come Cristo consola le anime della Chiesa militante, lo fa anche con la Chiesa purgante, e come noi possiamo consolarci gli uni gli altri durante la nostra vita terrena, possiamo farlo anche in Purgatorio. Santa Caterina spiega però che c’è di più:

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
purgatoriosan tommaso d'aquino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni