Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconNews
line break icon

Papa Francesco nei luoghi del sisma: “Non volevo dare fastidio, ma essere vicino”

© OSSERVATORE ROMANO

Il Papa si reca personalmente a far visita alle persone colpite dal devastante terremoto di Amatrice Pope Francis on October 4, 2016 made a surprise visit to Amatrice, the small Italian mountain town that bore the brunt of the August 24 earthquake that killed nearly 300 people. The Argentinian pontiff's first point of call was a set of colourful pre-fabricated buildings serving as a makeshift school. Amatrice's school was destroyed in the quake despite having been expensively renovated to make it quake resistant a few years ago. / AFP PHOTO / OSSERVATORE ROMANO / OSSERVATORE ROMANO

Domenico Agasso jr - Vatican Insider - pubblicato il 04/10/16

Il Pontefice ad Amatrice tra i terremotati: «Per questo ho lasciato passare un po’ di tempo. Sono qui per dire che vi sono vicino». La preghiera silenziosa davanti alle macerie

«Non sono venuto prima perchè non volevo dare fastidio, volevo essere vicino». Papa Francesco lo dice – parlando con un piccolo microfono con altoparlante – ai terremotati di Amatrice, dove è giunto questa mattina accompagnato dal vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili.

Una visita annunciata, quella alle vittime del sisma del 24 agosto, ma compiuta «a sorpresa», appena due giorni dopo il suo rientro dal viaggio apostolico in Georgia e in Azerbaigian. Il seguito papale è molto ridotto in confronto alle altre visite, per dare meno intralcio possibile alle zone già devastate. Ha sentito il bisogno di essere vicino alle popolazioni colpite dal terremoto, ma la principale preoccupazione del Pontefice è non creare problemi con la sua presenza, «per questo ho lasciato passare un po’ di tempo – spiega – Non sono venuto prima per non creare problemi tenuto conto delle vostre condizioni. Sono qui semplicemente per dire che vi sono vicino e prego per voi. Vicinanza e preghiera, questa è la mia offerta a voi».

Il Vescovo di Roma, proprio nel giorno di san Francesco, è arrivato in auto, una Golf con i vetri oscurati. Prima tappa la nuova scuola, dove il Papa ha incontrato i bambini. È entrato nella scuola provvisoria realizzata dalla Protezione civile del Trentino per esprimere il suo affetto ad alunni e insegnanti. Francesco è stato accolto dagli studenti delle elementari e delle medie che gli hanno donato alcuni disegni. Li ha abbracciati e salutati uno a uno e si è intrattenuto con loro per una ventina di minuti. Ha ascoltato i racconti dei ragazzi.

Già domenica scorsa, durante la conferenza stampa nel volo aereo Baku-Roma, il Papa aveva detto che questa visita l’avrebbe fatta «privatamente, da solo, come sacerdote, come vescovo, come Papa. Ma da solo. Così voglio farla. E vorrei essere vicino alla gente».

Dopo aver portato il suo saluto agli studenti della scuola «Capranica», si è recato in visita tra le macerie della zona rossa di Amatrice, accompagnato dal sindaco Sergio Pirozzi e da un dispiegamento di forze dell’ordine.

Il Pontefice si è fermato, da solo e in silenzio, davanti alle macerie per pregare.

Poi lascia Amatrice salutando dal finestrino dell’auto gli sfollati rimasti nella tendopoli Amatrice 1, per recarsi negli altri centri del cratere, Accumoli e Arquata del Tronto.

Alla fine del viaggio lungo i luoghi colpiti dal terremoto del 24 agosto il Santo Padre farà tappa ad Assisi.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
papa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni