Aleteia

Angelo Branduardi interpreta il capolavoro di San Francesco

Condividi
Commenta

Cantico delle Creature

Tu sia lodato, mio Signore, per quelli che perdonano in nome del tuo amore.

“Il Cantico delle Creature”, conosciuto anche come “Il cantico di Frate sole e Sorella Luna” è la prima poesia scritta in italiano. Il suo autore è Francesco d’Assisi che l’ha composta nel 1226. È   considerato uno dei poemi più importanti della nostra tradizione letteraria. San Francesco scrisse questo capolavoro affetto da una  grande sofferenza, a causa di un’infermità agli occhi. Dopo una notte di dolore,  il fraticello di Assisi contempla le meraviglie del mondo. Il cantico è una preghiera di lode a Dio,  alla vita e alla natura, che viene vista in tutta la sua bellezza e complessità. Lo stile è semplice,  non fu scritto in latino, proprio per invitare tutti gli uomini, non solo i più istruiti, a lodare e ringraziare Dio.  Il frate si ispirò al salmo 148 per la sua celebrazione del creato, senza dimenticarsi di ringraziare anche per la sofferenza e la morte, traducendo in poesia, la profondità dello spirito francescano, che consiste nell’umiltà semplice e serena di accettare tutto ciò che ci accade nella vita, perché tutto ciò che accade proviene da Dio, ed è un bene. Ascoltiamo l’interpretazione originale di un grande cantautore Italiano, Angelo Branduardi.

(Costanza d’Ardia)

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni