Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Pio da Pietrelcina
home iconNews
line break icon

3 motivi per non partecipare ad alcune catene di Sant’Antonio su Facebook

Leungchopan/Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 03/10/16

Il sacerdote-social don Alessandro Palermo: non è comunicazione cristiana e sono prive di alcuna efficacia

Una pratica macabra e peraltro priva di efficacia. Diffidate sui social network dal partecipare ad eventuali “catene di Sant’Antonio” in cui vi viene chiesto di lasciare o recitare una preghiera dinanzi alle immagini di un bambino morto, pena il rischio di incorrere in una sventura.

14439031_10207764797494212_2009800872_o-1

Purtroppo, oltre ad essere macabra di per se’ (perché sfruttare l’immagine di un bambino volato in cielo prematuramente?), è una cattiva pratica che riceve anche tante adesioni dagli utenti di Facebook e le altre piattaforme social, pensando al fine nobile della preghiera.

«Credo che sia opportuno – premette don Alessandro Palermo, 29 anni, direttore dell’Ufficio per le comunicazioni sociali della diocesi di Mazara del Vallo ed esperto di social media – partire dalla considerazione che i social network, più che mode del momento, sono reali scenari che ci consentono di gestire la nostra rete sociale, come sostiene Giuseppe Riva, presidente dell’Associazione internazionale di cyberpsicologia e docente di Psicologia e nuove tecnologie della comunicazione all’Università Cattolica di Milano».

GESTIRE LA PROPRIA RETE SOCIALE

Pertanto, evidenzia don Alessandro, «le occasioni comunicative dei social media dovrebbero essere percepite con la stessa consapevolezza di quelle che sperimentiamo nel quotidiano vivere sociale». Anzi, «come sottolinea ancora Riva, i social servono proprio per gestire la propria rete sociale».

LE ABITUDINI DEGLI UTENTI

Inoltre, prosegue il giovane sacerdote, «ritengo sia importante cominciare a convincerci che i social “riflettono” le abitudini degli utenti: le bontà e le negatività, le ricchezze e le povertà presenti nella Rete, dipendono, infatti, soltanto dagli uomini (come evidenziano Ceretti e Padula in “Umanità mediale. Teoria sociale e prospettive educative”). Nel momento in cui accediamo a un social siamo tutti chiamati ad una sorta di responsabilità sociale».

Le cosiddette “catene di sant’Antonio”, risultano, quindi, «fuori luogo» per tre motivi:

1) IL BENE NON SI REALIZZA CON I LIKE

«Non sono “pratiche social”, ovvero non tendono a quei principi della comunicazione digitale: la partecipazione, la condivisione, la relazione – azioni che costruiscono la società – ma imitano quelle “logiche commerciali” (che si servono dei social solo per i propri interessi economici) perché in fin dei conti hanno come unico scopo quello di raggiungere un elevato numero di like e visualizzazioni. Il bene non si realizza con mille like o con tre mila visualizzazioni».

2) MESSAGGI MANIPOLATORI E ILLUSIVI

«Riflettono un’intenzione distorta e priva di significati perché inquinano la rete con messaggi manipolatori illudendo gli utenti che l’azione giusta da compiere sia quella di condividere quel determinato post, il più delle volte, ideato con immagini che per una questione di rispetto non dovrebbero essere postate. Rivoltella, in “Le virtù del digitale. Per un’etica dei media”, ci ricorda che il lasciare like, il condividere o il commentare post del genere esprime una forma di partecipazione a “bassa definizione”, un’azione che resta solo “inibita nella meta” senza produrre nulla di positivo».

3) NON SONO FORME CRISTIANE DI COMUNICAZIONE

«Tutte le catene sono sporche di motivi non autenticamente cristiani perché fanno leva alla sola emozione e non alla ragione, tendono alla minaccia augurando sventure a chi (intelligentemente) sceglie di non condividerle. Non possiamo definirle forme cristiane di comunicazione perché non c’è piena comunicazione quando manca la ragionevolezza e non c’è nulla di buono e di evangelico nei messaggi che intimano la sciagura. La comunicazione cristiana è, invece, portatrice di speranza, non si serve di nessuna catena manipolatoria ma si diffonde grazie alla forza del suo Messaggio. Pertanto, quando accediamo alla Rete, non perdiamoci nella ruggine di queste catene, ma facciamoci prossimi mettendoci in ascolto dei dolori e delle gioie delle tante persone che ogni giorno incontriamo lungo le nostre strade digitali».

SPERANZA E FIDUCIA

“Non temere, perché sono con te (Is 43,5). Comunicare la speranza e la fiducia nel nostro tempo”, è questo il tema per la prossima Giornata mondiale per le comunicazioni: «come cristiani, dunque – chiosa Don Alessandro – siamo chiamati ad abitare i social network diffondendo azioni comunicative che costruiscano la catena della speranza e fiducia!».

Tags:
bambinicomunicazione socialefacebookreti sociali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni