Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La dieta raccomandata dalla Bibbia

Condividi

Mangiare 5 porzioni di frutta e legumi al giorno, ma come?

Dopo aver sconfitto il re di Giuda e aver occupato Gerusalemme, Nabucodonosor, re di Babilonia, aveva assegnato per ogni giorno una razione di vivande e di vino della sua tavola ai suoi prigionieri, giovani israeliti di casta reale o di famiglia nobile. Insieme a loro, e profondamente umiliato per questo “favore” reale, c’era il futuro profeta Daniele, che disse all’intendente del re:

Mettici alla prova per dieci giorni, dandoci da mangiare legumi e da bere acqua… Egli acconsentì e fece la prova per dieci giorni; terminati questi, si vide che le loro facce erano più belle e più floride di quelle di tutti gli altri giovani che mangiavano le vivande del re” (Daniele 1, 12-15).

La frutta e la verdura occupano un posto speciale nella Sacra Scrittura, e chi se ne priva adotta senza dubbio un regime più drastico di quello di Daniele.

Giovanni portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano locuste e miele selvatico” (Matteo 3, 4).

Anche Gesù di tanto in tanto non cercava forse un po’ di grano qui e qualche frutto silvestre lì?

“Vedendo un fico sulla strada, gli si avvicinò, ma non vi trovò altro che foglie, e gli disse: “Non nasca mai più frutto da te”. E subito quel fico si seccò” (Matteo 21, 19).

Chi non ha mai sentito che si devono mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, o anche che i latticini devono essere nostri amici per tutta la vita? Il Signore già ne raccomandava quattro mentre conduceva il suo gregge verso la terra promessa: “paese di frumento, di orzo, di viti, di fichi e di melograni; paese di ulivi, di olio e di miele; paese dove non mangerai con scarsità il pane, dove non ti mancherà nulla” (Deuteronomio, cap. 8).

Uva, fichi, olive, oltre a cereali, glucosio e fruttosio. La dieta perfetta!


LEGGI ANCHE: La Bibbia come educazione al mangiare


L’Agenzia Nazionale francese per la Sicurezza Sanitaria (ANSES), seguendo le direttrici del Piano Nazionale francese per la Sicurezza Alimentare (PNNS), ancora più previdente, propone sette riferimenti necessari per una dieta equilibrata.

Si tratta, in definitiva, di consigli che possiamo ottenere facilmente attraverso la televisione, la radio, la stampa o Internet, anche se forse sono necessarie alcune spiegazioni complementari, visto che l’industria agroalimentare prende queste direttrici e le riorienta nel senso del consumismo.

1. “Mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno”

frutta - frutti di bosco mirtilli lamponi
unsplash.com

Questo consiglio ha l’obiettivo di aumentare il consumo di fibre alimentari. Si parla di 5 porzioni totali di frutta e verdura, ovvero

  • 3 di frutta e 2 di verdura
  • 2 di frutta e 3 di verdura

Una porzione di verdura equivale alle dimensioni di un pugno chiuso.

Le mie raccomandazioni?

1 porzione di frutta per ogni pasto e 1 porzione di verdura (cruda, cotta o nella minestra, per pranzo o cena). Pensate alle verdure di stagione. Sono più economiche e maturano meglio. Fresche o congelate, conserveranno le loro proprietà nutrizionali. Attenzione alle conserve, perché avranno sempre un contenuto di sale superiore.

Un esempio:

150 g di frutta = 1 marmellata senza zucchero aggiunto = 1 bicchiere di succo da 120 ml.

1 mela, pesca, pescanoce, arancia, pera = ½ mango, pompelmo, piccolo melone
= 2 clementine, prugne

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni