Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconSpiritualità
line break icon

Il primo insegnamento per non contrabbandare Dio con qualcos’altro

Bedya/Shutterstock

don Fabrizio Centofanti - pubblicato il 03/10/16

La parola d’ordine è “Altro”

Il Vangelo è un’altra cosa, un altro mondo. Se manca l’approdo a questa sponda, si arranca in una terra di nessuno in cui si fanno le cose della fede, ma non si viene trasformati in Cristo. È il capovolgimento dei criteri, dell’occhio per occhio, del do tu des, della reazione uguale e contraria che congela l’uomo nell’assenza d’amore. Finché non sperimento la diversità irriducibile del Regno, è meglio non dirmi cristiano, per non correre il rischio di contrabbandare Dio con qualcos’altro.

“Credevi che io fossi come te”, dice il Signore, facendo capire come stanno le cose. Se l’uomo è attratto in quest’altra dimensione, sperimenta pensieri e sentimenti nuovi: si stacca dalla riva, lascia il noto per l’ignoto, comincia l’avventura. “Prendete il largo”, raccomanda il Cristo ai pescatori. Col piccolo cabotaggio, la pesca miracolosa non accade. È il servizio da fare gli uni agli altri: non restare aggrappati alle proprie sicurezze, non ribadire le difese, rinunciare alle certezze di una volta. Solo se mi fido di Dio posso fare l’esperienza di un’abbraccio che guarisce la mia mentalità, la libera per sempre dai rancori e dai ricatti. Se riesco a condividere il suo sguardo posso entrare nella pace, che è al di là delle alleanze umane, dei compromessi che tradiscono, perché ignorano l’esigenza di totalità inscritta nel destino umano.

La parola d’ordine è “Altro”. Dio è Altro da me: per questo può mostrarmi lo Straniero che mi abita, e di cui ho paura. Se apro le porte alla Diversità sarò certo di esserle simile, fatto a sua immagine da sempre. Se mi apro all’Altro troverò me stesso, non temerò piùnulla.

Ma come aprirsi, in modo concreto? In una delle recenti apparizioni, la Vergine Maria consiglia una preghiera semplice: “Gesù, io ti amo. Gesù, io ti adoro. Gesù, io voglio che tu viva nel mio cuore!“. È un modo efficace per tenere acceso il fuoco della fede, la relazione che salva.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diodiversitàfedespiritualità
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni