Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Il passaggio del Mar Rosso: come si sono svolti i fatti?

Public Domain
Condividi

Dunque è Mosè che divide il mare, e si forma il corridoio che permette agli Israeliti di passare in mezzo al mare all’asciutto, mentre le acque formano una muraglia a destra e a sinistra, mentre il versetto 21 descrive un altro fenomeno. Il  Signore fa soffiare un forte vento, durante la notte, che prosciuga il mare, come tale, una zona estesa e non un corridoio, in mezzo alle acque.

Per non essere troppo analitici in questa sede, per conciliare queste descrizione bisogna fare uno sforzo di immaginazione, non facile. Pensiamo: gli egiziani inseguono gli israeliti, poi devono fare voltafaccia e tornano  indietro, verso la sponda del mare che avevano lasciato. In questo momento Dio da ordine a Mosè di stendere la mano sul mare. Le acque cadono da una parte sugli egiziani dalla destra e dalla sinistra, e dall’altra tornano in questo «varco» venendo dall’altra sponda ,verso gli egiziani che fuggono incontro a loro. Se leggiamo il testo alla lettere avremo una ricostruzione del genere.

Dunque siamo di fronte a due racconti del miracolo del mare che il testo finale ha conservato uno accanto all’altro.

Il primo racconto ci presenta gli egiziani che raggiungono gli  Israeliti alla sera alla sponda del mare, la nube si sposta, e impedisce agli egiziani di avvicinarsi di  più. Probabilmente gli egiziani si trovano su un terreno molto umido, fuggono a loro insaputa verso il mare, che al mattino torna al suo posto e affogano.

Il secondo  racconto che si chiama racconto della divisione delle acque, il miracolo accade di giorno, perché non vi erano notazioni di tempo. Dopo che gli egiziani ebbero raggiunto gli israeliti verso il mare, il Signore chiede a Mosè di stendere la mano sul mare per dividere le acque. Quando gli israeliti arrivano dall’altra parte del mare, il Signore chiede una seconda volta a Mosè di stendere la mano sulle acque per farle «tornare» sull’esercito egiziano.

Questa complessità redazionale ci fa comprendere che la finalità della stesura e della trasmissione degli eventi, svoltisi presso il mare non  può essere semplicemente storica o cronistica. Si deve scoprire il potenziale pragmatico di questo testo. È chiaro che si suppone un evento accaduto nella storia, ma esso può essere compreso in tutto il suo spessore solo nel caso in cui se ne svela il senso.

Il racconto di quella notte è la risposta del popolo di Israele a ciò che gli è accaduto, sulle rive del mare.  Israele ha interpretato quel fatto come l’evento originario della propria storia. È il tema della libertà che ogni anno a Pasqua il popolo di Israele celebra. La forza di questa testimonianza del popolo di Israele incoraggia quindi ogni uomo a compiere la sua traversata, a inoltrarsi nel mare e nella notte, tempo nel quale si fanno i viaggi veri.

Ecco allora che il redattore mette insieme due tradizioni, due fonti che raccontano lo stesso evento e che diventano come un testo a più voci, dove la diversità polifonica non impoverisce ma arricchisce il messaggio.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni