Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 armi spirituali contro la mancanza di purezza raccomandate dalla Madonna di Fatima

Condividi

Il mondo moderno è un terreno minato

Abiti provocanti, commenti con secondi fini, scherzi volgari, film osceni, siti web indecenti… C’è un’infinità di tentazioni che possono far cadere anche il migliore di noi nella trappola del peccato e dell’impurità. Il mondo attuale è un terreno minato in cui ad ogni passo troviamo una bomba di immoralità che può esplodere in qualsiasi momento.

Quasi cent’anni fa, Nostra Signora di Fatima è apparsa a tre pastorelli portoghesi: Lucia e i suoi cuginetti Francisco e Jacinta. La Madonna è apparsa loro sei volte, dal 13 maggio al 13 ottobre 1917.

Uno dei messaggi della Madonna riguardava la Salvezza e la perdizione dell’umanità. La Vergine ha affermato che molte anime si sarebbero perse nelle fiamme dell’inferno a causa dei peccati contro il VI e il IX comandamento, i peccati della mancanza di purezza.

Ecco cinque armi spirituali per lottare contro la mancanza di purezza:

LEGGI ANCHE: L’angelo precursone delle apparizioni della Vergine a Fatima

 

1. Dispiegate le armi della preghiera

Nell’orto del Getsemani, Cristo ha ricordato agli apostoli e al mondo intero: “Vegliate e pregate, per non cadere in tentazione. Lo spirito è pronto, ma la carne è debole” (Matteo 26, 41). Anziché pregare, gli apostoli si sono addormentati.

Spesso è la mancanza di preghiera che ci spinge a cadere nel peccato, soprattutto in quello della mancanza di purezza. Imploriamo il Signore e chiediamogli di guidarci sulla via della virtù. Comunichiamoci regolarmente: la Santa Comunione nutre con il corpo e il sangue di Cristo, la sua anima e la sua dignità.

Riceviamo così tutta la purezza del Sacro Cuore di Gesù. Con le nobili parole di San Paolo, “Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me” (Galati 2, 20). Quale modo migliore per vivere un’esistenza pura che pregare e comunicarsi spesso?

2. Non giocate con il fuoco

Il proverbio azzecca in pieno: “Chi gioca col fuoco si brucia”. Dimostriamo prudenza. Un esempio semplice: dopo una cena tra fidanzati, il ragazzo invita la ragazza ad andare a casa sua (ad esempio a recitare il rosario). Signore e signori, attenzione! Ci vuole poco per soccombere alle tentazioni della carne.

3. Evitate la pigrizia

“L’ozio è il padre dei vizi”, dice l’adagio. “La pigrizia fa cadere in torpore, l’indolente patirà la fame” (Proverbi 19, 15). La noia apre la porta a tentazioni di ogni tipo. Ci sono tanti giovani che vanno su siti web pornografici perché hanno molto tempo libero e si annoiano! E allora fuggite la pigrizia e occupate il vostro tempo (ci sono così tante cose da fare!).

4. Andate a confessarvi (spesso!)

L’essere umano non è perfetto, tutti commettiamo errori. La vita spirituale, però, ci invita alla preghiera e alla penitenza. Sforziamoci di digiunare e di aprirci completamente al Signore. I santi ci hanno insegnato questa lezione, prendiamoli come modello. San Paolo afferma che “laddove è abbondato il peccato, ha sovrabbondato la grazia” (Romani 5, 20). La confessione può trasformare la nostra anima!

5. Pregate la santissima Vergine, esempio di virtù

Con il Battesimo il nostro corpo diventa il tempio dello Spirito Santo, con la Prima Comunione tabernacolo del Santo Sacramento. La Vergine Maria, raggiante di virtù e umiltà, sia nostro modello e nostra guida verso la purezza. Supplichiamola di intercedere a nostro favore e di aiutarci a vivere secondo la beatitudine che Gesù ci ha insegnato: “Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio” (Matteo 5, 8). Amen.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Le 3 tattiche di Santa Teresina per vincere la tentazione

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni