Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
News

Tra i cristiani rimasti ad Aleppo: “Contro di noi pulizia etnica”

© Javier Manzano / AFP

Combates en el barrio de Karmel al-Jabl, en Aleppo (Siria)

Vatican Insider - pubblicato il 29/09/16

Ma le scuole, bombardate e ricostruite, restano aperte “Siamo responsabili degli allievi in qualsiasi condizione”

di Giordano Stabile

«Noi religiosi siamo come soldati. E i soldati non scappano». Suor Luisa indica le piastrelle del ballatoio al secondo piano della scuola armena cattolica «Farah», nel quartiere di Middan. Quelle più chiare indicano la parte che era crollata dopo un bombardamento da parte di ribelli, lo scorso giugno. «È venuto giù tutto – racconta -: il terrazzino, una parete, le scale. È stata dura, ma siamo riusciti a rimetterla prima dell’inizio dell’anno scolastico». Suor Luisa è stata mandata a dirigere la scuola nel 2010, all’inizio della guerra civile. Parla con un sottofondo di esplosioni, a meno di un chilometro. «Ci spaventiamo più noi adulti che i bambini, loro si abituano a tutto. In molti mi hanno detto di venire via. Ma noi siamo responsabili dei nostri allievi in qualsiasi condizione».

Alla scuola si insegnano armeno, arabo, inglese e francese oltre alle materie tradizionali. «Per fortuna quando è caduto il razzo non c’era nessuno nella classi. È stata una vendetta per il riconoscimento del genocidio armeno da parte della Germania. Appena si è diffusa la notizia sul quartiere di Middan è scoppiato l’inferno». Anche perché bombe e colpi di mortaio arrivano da vicino quartiere di Bustan al-Basha, «il frutteto del pascià», feudo dei ribelli filo-turchi di Ahrar al-Sham. E l’odio turco per gli armeni si somma a quello fra insorti e governativi. La maggior parte delle vie di Middan sono chiuse da blocchi fatti con macerie e auto carbonizzate che indicano fin dove ci si può spingere. Teli stesi attraverso la strada e attaccati ai palazzi servono a togliere la visuale ai cecchini. Quando il vento li strappa, riattaccarli è un’impresa a rischio della vita.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cristiani perseguitatisiria
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni