Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Tra Bibbia e preghiera: così Bruce Springsteen canta la sua profonda fede

Condividi

Compie 67 anni il Boss della musica mondiale, che ha bagnato di fede i suoi principali successi

“A volte mi sento come un cattolico in fuga, ma…”.

– Ma?

Se sei cattolico lo resti per sempre. E non potrebbe essere altrimenti, se fin da bambino sei abituato ad ascoltare preghiere. E poi, nei miei brani, c’è tanta Bibbia, tanto Vecchio Testamento

A Famiglia Cristiana (22 maggio 2013) il “boss” della musica rock confessava ancora una volta il suo legame viscerale con la religione e Dio.

Eppure Bruce Springsteen, che il 23 settembre spegne 67 candeline, soprattutto agli inizi, come ricordava l’Osservatore Romano (12 gennaio 2014) è decisamente più cupo. Nonostante ciò’ si avverte tuttavia la tensione, l’inquietudine verso una salvezza che non sempre può arrivare dagli uomini. Ciò è particolarmente evidente in Darkness on the Edge of Town (1978) dove afferma «sono un uomo e credo in una terra promessa». E ancora in The River (1980), quando in Drive all Night si spinge a una sorta di preghiera: «E vorrei che Dio mi mandasse una parola / mi mandasse qualcosa da aver paura di perdere»; così come in Nebraska (1982), dove si coglie un’implorazione in quel «liberami dal nulla».

EDUCAZIONE CATTOLICA

Tutto sembra più evidente dopo l’uscita di Tunnel of Love, nel 1987, quando la rivista Rolling Stone sottolineava che poteva essere «chiaramente percepita l’educazione cattolica ricevuta da Springsteen; i protagonisti pregano ripetutamente di essere liberati dal male, le storie d’amore sono presentate come una manifestazione della grazia divina».

FALLIMENTO E LUCE

Springsteen ha appena divorziato, avverte il fallimento, e in Brilliant Disguise (1987) ammette: «Stanotte nel nostro letto freddo / mi sono perso nell’oscurità del nostro amore / Dio abbia pietà dell’uomo / che non dubita di ciò di cui è sicuro». Anche se poi, raccontando l’incubo del protagonista di Cautious Man (1987), torna un’immagine tutt’altro che di tenebra: «Ai bordi del letto spostò i capelli del viso di sua moglie / mentre la luna illuminava la sua pelle così bianca / Riempiendo la loro stanza con la bellezza della luce di Dio».

INNO DI GIOIA

E se i dubbi sembrano tornare in Human Touch (1992), dove non si trovano parole di pietà e di perdono di un dio sopra di noi e tuttavia si coglie un’aspirazione alla pace e alla speranza, in Living Proof, brano dell’album Lucky Town (1992), la gioia della paternità esplode quasi in un inno gioioso: «Una notte d’estate in una stanza buia / entrò una minima parte della luce eterna del Signore / urlando come se avesse inghiottito la luna accesa / Nelle braccia di sua madre c’era tutta la bellezza possibile / Come le parole mancanti di una preghiera / che non sarei mai riuscito a inventare / in un mondo così duro e sporco così disonesto e confuso/ in cerca di un po’ della misericordia di Dio / ho trovato la prova vivente».

L’ATTENTATO ALLE TORRI GEMELLE

Ma, come accennato, è in The Rising (2002) che il messaggio si fa netto e inequivocabile, e assume una valenza in qualche modo redentiva.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni