Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconChiesa
line break icon

Ortodossi-cattolici, sì al documento su Primato e Sinodalità

© GALI TIBBON / AFP

Christian Orthodox worshippers hold up candles lit from the 'Holy Fire' as thousands gather in the Church of the Holy Sepulchre in Jerusalem's old city on April 19, 2014 during the 'Holy Fire' ceremony on the eve of the Orthodox Easter. Believers hold that the fire is miraculously sent from heaven to ignite candles held by the Greek Orthodox patriarch in an annual rite dating back to the 4th century that symbolises the resurrection of Jesus. AFP PHOTO/GALI TIBBON / AFP PHOTO / GALI TIBBON

Vatican Insider - pubblicato il 22/09/16

A favorire il buon esito dell’incontro ha concorso proprio l’atteggiamento collaborativo e non dialettico mostrato stavolta dai rappresentanti della delegazione russa. Il Metropolita Hilarion di Volokolamsk, capo della delegazione russa, già nella riunione preliminare di coordinamento tenuta a Chieti con gli altri rappresentanti ortodossi, aveva insistito sulla necessità di sollevare nel corso dei lavori il problema dell’uniatismo (quello relativo alle Chiese orientali cattoliche profilatesi in età moderna per iniziativa di vescovi ed episcopati regionali ortodossi che sceglievano di riallacciare la piena comunione con la Chiesa di Roma, mantenendo le proprie tradizioni teologiche e liturgiche): Hilarion aveva ribadito che «le azioni dei greco-cattolici in Ucraina e la loro retorica aggressiva contro la Chiesa ortodossa confermano che l’uniatismo rimane una ferita aperta nel corpo della cristianità, e il principale ostacolo nel dialogo tra ortodossi e cattolici». Ma l’istanza di Hilarion non ha avuto ricadute sull’andamento dei lavori.

Essa è stata percepita come un «atto dovuto», effettuato per marcare la posizione del Patriarcato di Mosca rispetto ai problemi anche intra-ortodossi che il Patriarcato di Mosca si trova a affrontare in Ucraina. Del resto, la Commissione teologica cattolico-ortodossa aveva già affrontato il tema dell’uniatismo negli anni Novanta. Proprio su quella questione – ritornata incandescente dopo la fine dell’impero sovietico in Ucraina e in altri Paesi est-europei – il documento predisposto dalla Commissione teologica mista a Balamand nel 1993 aveva ribadito il «diritto all’esistenza» e alla continuità delle Chiese orientali cattoliche sorte da quei processi, e nel contempo aveva riconosciuto che il metodo di costruire l’unità tra le due Chiese attraverso le unioni parziali è oggi superato, in quanto ferisce la carità che dovrebbe animare le relazioni tra le «Chiese sorelle».

A pesare come incognita sull’andamento dei lavori di Chieti c’era anche il cambio della guardia «generazionale» alla testa della delegazione ortodossa. Stavolta, il co-presidente ortodosso della Commissione mista non era più il Metropolita 85enne Ioannis Zizioulas di Pergamo, del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli. L’anziano Ioannis, considerato da molti il più grande teologo cristiano vivente, ha lasciato la carica al Metropolita 41enne Iob Getcha di Telmessios, anche lui del Patriarcato ecumenico. Ioannis, negli ultimi anni, aveva dato un contributo decisivo nel tracciare le linee teologiche su cui far avanzare il dialogo su sinodalità e primato. Ma forse proprio la sua autorevolezza teologica suscitava disagi e dissimulate ostilità in qualche rappresentante delle altre Chiese ortodosse. Il suo giovane successore, di origini ucraine, dopo qualche iniziale resistenza da parte di qualche delegato ortodosso – riferita da blog legati ad ambienti ortodossi greci – è stato apprezzato da tutti per il modo discreto con cui ha esercitato la sua co-presidenza.

La generale condiscendenza manifestata dalla delegazione ortodossa può essere letta anche come un effetto collaterale dell’esercizio di dialogo sinodale sperimentato di recente dalle Chiese ortodosse nel recente Concilio panortodosso celebrato a Creta. A quell’assise hanno fatto mancare la loro presenza il Patriarcato di Mosca, quello di Antiochia, quello georgiano e quello bulgaro. Proprio il documento sui rapporti con l’insieme del mondo cristiano è stato quello che ha registrato discussioni più accese, al punto che il testo approvato ha evitato di pronunciarsi in maniera dettagliata sulla stessa natura ecclesiale delle altre Chiese. Ma con tutti i limiti, l’esercizio sinodale vissuto ab intra tra le Chiese ortodosse può aver favorito anche un atteggiamento di apertura e disponibilità sul terreno del dialogo con le Chiese non ortodosse, a partire da quella cattolica.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
chiesa cattolicachiesa ortodossaecumenismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni