Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Com’è la vera amicizia?

© Hernán Piñera / Flickr / CC
Condividi

Al giorno d’oggi si banalizza molto il concetto di amicizia, o si confonde con l’amabilità

Al giorno d’oggi si banalizza molto il concetto di amicizia, o si confonde l’amicizia con l’amabilità. Si sbaglia chi definisce amico qualcuno solo perché si comporta in modo gentile con lui, che sia al mercato, sul lavoro, in parrocchia o nella comunità, o perché senza conoscerlo davvero lo ha accettato come “amico” nelle reti sociali.

La vera amicizia, come l’amore autentico, si prova e muore oppure si consolida, nel tempo e/o nelle difficoltà, che è quando si possono esercitare, e solo con la grazia di Dio, la misericordia e la fedeltà.

Solo Dio, che come narrano le letture che si proclamano questa domenica a Messa è rimasto fedele quando il Suo popolo lo ha tradito; solo Dio, che quando Paolo era blasfemo e persecutore della Chiesa è stato misericordioso con lui; solo Dio, che è come quel padre che quando il figlio è tornato a casa, pentito per aver sperperato l’eredità paterna, è uscito ad abbracciarlo e ha fatto festa, può aiutarci ad aprire il cuore per imitarlo.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: 14 pensieri su come creare amicizie che durino per tutta la vita

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni