Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
News

L’ordinario militare: occorre custodire le persone, non i confini

© DR

Vatican Insider - pubblicato il 21/09/16

È il messaggio lanciato da monsignor Santo Marciano’ al Congresso dell’Apostolato Militare Internazionale, in corso in Olanda. «Lo scarto dei rifugiati inizia proprio da una cultura che divide il mondo in ricchi e poveri»

Custodire persone, non confini! È il messaggio lanciato dall’ordinario militare per l’Italia, monsignor Santo Marciano’, al Congresso dell’Apostolato Militare Internazionale, in corso a Vught (Olanda). Il presule ha relazionato ieri sul tema: «I rifugiati alla luce della Laudato Sì e dell’Anno della Misericordia».

«Lo scarto dei rifugiati – ha ribadito – non è solo il rifiuto che può esserci alle frontiere ma inizia proprio da una cultura che divide il mondo in ricchi e poveri, potenti e deboli, facendo sempre ricadere sui deboli le conseguenze di ogni ingiustizia e discriminazione, anche quella contro il creato».

«C’è però anche chi, come l’Italia, – ha aggiunto il vescovo castrense – si è assunta una tale responsabilità di soccorso e di accoglienza? Ed in questa `responsabilità´ si colgono, dunque, inedite sfumature della missione dei militari, quasi un `nuovo profilo´, disegnato sul serio e significativo impegno di combinare l’accoglienza con la sorveglianza, la protezione dei cittadini con il soccorso agli stranieri. Se la Chiesa tutta non può non essere inquietata da questa emergenza umanitaria, ancor più la Chiesa che è tra i militari se ne deve sentire interpellata».

L’accoglienza pastorale dei rifugiati, per Marciano’ «porta alla luce un nuovo, vasto, e direi entusiasmante campo di evangelizzazione e carità per l’Apostolato Militare Internazionale, attento all’annuncio evangelico e alla promozione della cultura della pace».

Ecco, dunque, la missione consegnata oggi ai militari cristiani e a tutto il mondo militare: «trasformare quei confini, che altri vogliono serrare, in varchi di accoglienza nella nostra «casa comune»; in Porte Sante, attraversando le quali i rifugiati possano «fare esperienza della Divina Misericordia anche grazie alle persone che li aiutano».

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cappellani militari
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni