Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 03 Ottobre |
San Francesco Borgia
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Dopo il caso di eutanasia su un minore in Belgio, sarà questa la nuova frontiera?

4wsaq8rnxuw4q-7bbapmwxu24ptsxdbkk-14enx2gnj1vkyjaer-irxsmixqij_osgliodjnn1d2rml0yn80oa3ui4v4-e1568285147974.jpg

Roberta Sciamplicotti - Aleteia - pubblicato il 20/09/16

Si riuscirà a bloccare l'estensione della pratica a tutti coloro la cui vita non viene ritenuta degna di essere vissuta?

Nei giorni scorsi ha fatto scalpore la notizia del primo caso di eutanasia su un minore in Belgio, e quindi nel mondo, perché il Paese è finora il primo ed unico ad aver approvato, nel 2014, una legge che lo consente.

La vittima aveva 17 anni e, come ha specificato Wim Distelmans, direttore del Centro di controllo dell’eutanasia, “soffriva di dolori fisici insopportabili. I dottori hanno usato dei sedativi per indurre il coma come parte del processo” (Repubblica.it, 17 settembre).

La legge belga del 2014 consente ai genitori di scegliere la “dolce morte” per i propri figli malati terminali dopo averne fatto richiesta al medico curante, che deve sottoporre il caso al Dipartimento di controllo federale e valutazione dell’eutanasia e riceverne l’autorizzazione. La legge specifica che anche il minore deve esprimere una forma di consenso.

La storia di Nancy

Se si ammette l’eutanasia, il prossimo passo sarà l’assassinio dei disabili? Potrebbe indurre a pensare così la storia di Nancy Fitzmaurice, una bambina britannica di 12 anni che respirava da sola e non stava morendo, ma era nata cieca con idrocefalia, meningite e setticemia, non poteva camminare, parlare, mangiare o bere e trascorreva ore gridando in agonia.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
belgiodisabilieutanasiaeutanasia minori
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni